44 nuovi bandi alla Provincia, ma i neo laureati restano a casa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1333

44 nuovi bandi alla Provincia, ma i neo laureati restano a casa
CHIETI. 10 giuspubblicisti, 4 assistenti sociali, 10 psicologi iscritti all'albo, 4 "documentalisti" con diploma di scuola media superiore, e 10 amministrativi con il diploma di scuola media superiore, 4 addetti all'"accoglienza" sempre con lo stesso diploma, 4 sociologi: la Provincia di Chieti rinnova il suo personale nei centri per l'impiego e mette a disposizione 44 nuovi posti.
Ma i neo laureati restano tutti a casa perché nessuno di questi bandi è aperto a nuove leve.
Come requisito determinante per la presentazione della propria domanda ci deve essere, infatti, nel curriculum del candidato «un anno di esperienza lavorativa maturata presso soggetti pubblici».
Una esperienza che se non c'è, toglie di fatto ogni possibilità a partecipare alla selezione. Una esperienza richiesta, di appena 12 mesi, che però diventa fondamentale per chi è in cerca del primo impiego.
E così si scopre quanto sia difficile entrare "nel palazzo" se non ci si è già dentro.
La selezione avverrà poi tramite un esame scritto e uno orale.
Lo scritto consiste in 30 quesiti a risposta multipla sulle materie afferenti al titolo di studio richiesto, così come la prova orale.
I vincitori potranno firmare un contratto a tempo determinato della durata di 18 mesi, prorogabili per lo stesso periodo.
Non si specifica quanto sarà lo stipendio ma trattandosi tuttavia di un contratto finanziato con i fondi stanziati per la realizzazione delle attività previste per il POR Abruzzo, si precisa nel bando, «nel contratto sarà inserita una clausola risolutiva collegata alla disponibilità dei finanziamenti».
«Il 60% dei posti messi a concorso», si specifica ancora, «è riservato ai collaboratori coordinati e continuativi in servizio presso l'Ente da almeno un anno raggiunto alla data del 29/09/2006, esclusi gli incarichi di natura politica».
Era proprio necessaria questa ulteriore specifica?
Dal bando sono già stati esclusi il 100% dei neolaureati disoccupati….
Non era forse il caso, con 44 nuovi posti a disposizione, fare un pò di posto a nuovi giovani freschi di studi?
Ma la Provincia non sembra preoccuparsene, e anzi per assurdo basta un diploma di scuola media superiore per mantenere il posto.

20/09/2007 8.23