Cts Sulmona. D’Amico:«Diamoci una mossa»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

905

SULMONA. Un appello per «accelerare la costituzione giuridica del Centro servizi territoriali (Cst) di Sulmona» è stato lanciato dall'assessore agli Enti locali, Giovanni D'Amico.
Il rappresentante della Giunta regionale ha infatti rivolto «un pressante appello» ai soci della costituenda società a responsabilità limitata Cst-Ali di Sulmona, tra cui figurano i comuni di Sulmona e Avezzano e tutte le Comunità montane del comprensorio peligno, marsicano e sangrino, per accelerare la costituzione formale della società che andrà a gestire i servizi di e-government sul territorio.
«Allo stato - ha detto D'Amico - non sono più possibili ulteriori rinvii perché ciò determinerebbe la perdita della possibilità di accedere alle risorse per realizzare il Cst, facendo dunque cadere la funzione di progetto capofila in regione. Nell'ultima riunione dell'11 settembre - aggiunge l'assessore - ho già spiegato ai soci l'urgenza dell'atto necessario per accedere al cofinanziamento regionale e per permettere agli amministratori del Cst di essere materialmente presente alle scelte delle società fornitrici delle infrastrutture che poi andranno a gestire».
Il Cst di Sulmona è la prima struttura del genere che nasce in Abruzzo. Essa ha l'obiettivo principale di diffondere le politiche di e-government sul territorio.
La Regione Abruzzo ha individuato il Cst di Sulmona struttura leader in Abruzzo, in favore della quale sono stati stanziati già 3 milioni 700 mila euro per le infrastrutture e dopo che il Cnipa (Centro nazionale per l'informatica nella Pubblica amministrazione) lo ha assunto a progetto pilota a livello nazionale. «Ritengo - conclude l'assessore Giovanni D'Amico - che per la costituzione giuridica della società non si possa andare oltre il mese settembre; diversamente sarò costretto a rimettere al Presidente della Regione, titolare delle delega in materia, una relazione sullo stato della situazione per determinare iniziative tese alla soluzione delle criticità scaturite».

20/09/2007 8.08