Acqua dai pozzi Sant’Angelo almeno fino al 30 ottobre per combattere crisi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1127

PESCARA. Saranno riaperti oggi i pozzi Sant'Angelo di Castiglione a Casauria (Pescara) che alimentano gli acquedotti a servizio dei Comuni della Val Pescara. La conferenza dei sindaci tenutasi ieri nella sede dell’Ato 4 ha preferito questa soluzione per poter «riequilibrare» la mancanza di acqua derivante dalla siccità in atto. I pozzi rimarranno aperti almeno fino al prossimo 30 ottobre quando dovrebbero entrare in funzione due nuovi pozzi.
Alla conferenza dei servizi hanno partecipato, tra gli altri, le Prefetture di Pescara e di Chieti, l'assessore all'Ambiente della Regione Abruzzo, Franco Caramanico, l'Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta), i Comuni di Pescara, Chieti, Montesilvano (Pescara), Silvi (Teramo), Castiglione a Casauria, Bussi sul Tirino (Pescara), la Direzione Ambiente della Provincia di Pescara, l'Aca.
Era presente anche il Wwf (non invitato) tra il pubblico che ha contestato la decisione votata.
I responsabili dell'Arta hanno poi smentito il presidente dell'Aca, Bruno Catena, che aveva detto che «mai erano stati superati i limiti imposti dalla legge sulla potabilità dell'acqua».
L'Arta ha ribadito in maniera netta che «i pozzi sono inquinati».
L'Ente d'Ambito emanerà un'ordinanza provvisoria, valida fino al 30 ottobre, per regolare gli approvvigionamenti d'emergenza, in attesa di attivare il programma degli interventi che porteranno all'approvvigionamento diretto dalle sorgenti, aumentando la qualità delle acque distribuite.
Tale operazione inoltre permetterà la sospensione della fornitura dal campo pozzi Sant'Angelo oltre a quella dal campo pozzi Vomano.
«In pratica», spiegano all'Ato,«per attenuare la crisi idrica saranno riattivati i 3 gruppi filtranti presenti su Sant'Angelo attraverso un monitoraggio continuo, nel frattempo l'Ato provvederà, congiuntamente al parere del Comune di Bussi, ad attivare quanto previsto nella Delibera Regionale di Emergenza idrica realizzando un ulteriore captazione nel campo pozzi San Rocco di Bussi sul Tirino».
E poi la solita rassicurazione:«l'acqua è potabile».
«Tale intervento nello stretto giro», spiega Giorgio D'Ambrosio, presidente Ato,«permetterà di riequilibrare le portate derivanti dal Giardino e sostituirà quelle derivanti dal campo pozzi Sant'Angelo. Nella prima metà di ottobre, inoltre, sarà installato un filtro ad osmosi inversa che garantirà anche la possibilità di utilizzare ulteriore acqua derivante dal Vomano. A questo si aggiunge la volontà di provvedere, entro marzo 2008, a risolvere definitivamente l'approvvigionamento derivante dalla Val Pescara attraverso una captazione totale tra Giardino, San Rocco e altri, pari a 2000 lt/s».
Tutto questo va di pari passo con il programma di monitoraggio, ricerca e riparazione delle perdite, in atto nell'Ambito che ha già dato risultati positivi in 55 su 64 Comuni analizzati.
Successivamente a questo primo documento verrà pubblicato il verbale della Conferenza e l'Ordinanza dell'ATO.
Dunque dovrebbe terminare ovunque entro oggi al massimo la crisi idrica.
Ancora una volta ha prevalso la scelta di distribuire comunque l'acqua poiché la sua mancanza potrebbe causare problemi anche maggiori dell'inquinamento delle sostanze presenti in essa.

«Ormai non c'è più limite all'improntitudine di chi purtroppo ha in mano il governo dell'acqua in Abruzzo» questo il commento di Giuseppe Tagliente, Consigliere regionale di Forza Italia. «Nonostante i disagi già inflitti alla popolazione – aggiunge Tagliente – prosegue il balletto di accuse incrociate e di decisioni irresponsabili, come quella di riaprire i pozzi inquinati “perché comunque l'acqua è migliore di quella del del Vomano” sic! Speriamo solo – conclude Tagliente – che la maggioranza di centrosinistra riesca almeno a fare piazza pulita di questi personaggi (ma ho molti dubbi al riguardo) e che abbia almeno la decenza di risarcire i cittadini e gli operatori con congrue riduzioni della bollette».

19/09/2007 8.15

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=11469]GLI ANNUNCI DI IERI[/url]