Arriva la prima «cantina diffusa», alla scoperto dei sapori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1300

POGGIO DELLE ROSE (TE). A Poggio delle Rose, nella terra del vino montonico, ecco «Cantinando». Tre giorni per scoprire gli antichi fondachi, fra tradizioni e sapori tipici Musica, cucina e balli in piazza per ricordare la civiltà contadina.
Dopo l'albergo diffuso, sperimentato con successo sul Gran Sasso, arriva in Abruzzo il primo esperimento di «cantina diffusa».
A partire dal 27 luglio, e per tre giorni, tutte le antiche cantine private del borgo di Poggio delle Rose, nel territorio comunale di Cermignano, saranno aperte al pubblico per degustazioni e visite guidate. Sarà un viaggio alla scoperta dell'architettura delle cantine delle tante case rurali del borgo, degli oggetti in uso nella civiltà contadina, dei sapori del vino realizzato con le sapienti tradizioni della campagna abruzzese. A fare da sfondo all'evento ci sarà la convivialità tipica delle cantine, che nelle case rurali erano il luogo dell'accoglienza e del ritrovo per eccellenza.
Ma l'iniziativa punta anche alla riscoperta ed alla valorizzazione del vino montonico, antico e prezioso vitigno tipico della zona, dal colore paglierino e un sapore che rimanda all'erba fresca, al fieno, ai profumi fruttati. Sarà il montinico il principe della prima edizione di «Cantinando».
Primo esperimento di «cantina diffusa», dunque, ma anche riscoperta delle tradizioni e dei sapori forti della terra. Nella piazza del borgo ci sarà infatti la possibilità di degustare i migliori prodotti della cucina abruzzese, in uno scenario che punta a ricostruire la civiltà contadina anche per quei turisti stranieri che da alcuni mesi si stanno interessando all'acquisto di abitazioni nel borgo di Poggio delle Rose.
Domenica 29 sarà dedicata ai poggesi nel mondo: una grande rimpatriata di quanti, nel corso dei decenni passati, hanno dovuto abbandonare il borgo alla volta soprattutto di Svizzera, Belgio e Germania, ma anche verso la costa abruzzese. Molti di loro, contattati attraverso amici, parenti e annunci sul web, saranno presenti domenica per la manifestazione a loro dedicata.
26/07/2007 10.40