Dalla Regione 20 milioni per il polo riabilitativo e per dotazioni sanitarie

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

522

L'AQUILA. Arrivano oltre 20 milioni di euro per le strutture sanitarie della città dell'Aquila. La Giunta regionale ha infatti licenziato, su proposta dell'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, il progetto esecutivo che prevede la realizzazione nel capoluogo regionale di un Polo riabilitativo e il potenziamento e riqualificazione delle dotazioni sanitarie strutturali per Day Hospital e diminuzione delle liste di attesa.
Nello specifico, il progetto del Polo riabilitativo aquilano prevede uno stanziamento di oltre 5 milioni di euro, mentre il progetto di potenziamento impregnerà risorse per circa 15 milioni.
La copertura di tale stanziamento – è scritto nella delibera – verrà assicurata da fondi statali, dell'università dell'Aquila e da un cofinanziamento della stessa Asl.
Oggetto del finanziamento saranno i due sottoprogetti contenuti nel programma complessivo dell'azienda sanitaria aquilana.
Si tratta dell'allestimento del Polo riabilitativo, con il quale sarà possibile ampliare i servizi e le strutture dell'ospedale “San Salvatore”, e il potenziamento e la riqualificazione delle dotazioni sanitarie strutturali e tecnologiche per l'attività del day hospital, con l'obiettivo di procedere a una territorializzazione dei servizi, e soprattutto di creare i presupposti per una riduzione delle liste d'attesa. La gran parte delle azioni di questo sottoprogetto interesserà l'ospedale regionale, mentre una sarà destinata al complesso sanitario di Collemaggio.
Tra le iniziative previste, l'allestimento di laboratori per la ricerca e le biotecnologie e l'acquisto di nuove apparecchiature specializzate per esami di varia natura, per aumentare la disponibilità di quelle esistenti.
«Un atto importante per sanità aquilana - ha commentato l'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca - soprattutto perché sblocca risorse per oltre 20 milioni di euro che da anni attendevano di essere allocate. Il finanziamento fa infatti riferimento ad una legge dello Stato che ha previsto risorse per strutture sanitarie nei grandi centri urbani. Il permesso a costruire da parte del Comune dell'Aquila è arrivato solo il 20 aprile scorso; Regione e Asl hanno poi chiuso il progetto esecutivo e il quadro economico nel giro di tre mesi».
«Entusiasmo» è stato espresso dal sindaco Cialente, che ha inteso rivolgere «un ringraziamento alla Regione, nonché – ha aggiunto – al direttore generale dell'Asl, Marzetti, per aver seguito un progetto credibile, meritevole della concessione dei fondi previsti dall'articolo 71 della legge 448 del 1998, che prevede, per l'appunto, dei sostegni a beneficio di interventi fattibili e di spessore a beneficio dell'assistenza sanitaria nei grandi centri urbani, che siano in linea con le finalità stabilite dal piano sanitario nazionale».
«Due le valutazioni da fare – ha aggiunto Cialente, che è anche presidente del comitato ristretto dei sindaci del territorio Asl del capoluogo abruzzese -. La prima è che il ministero della sanità, in sede di conferenza unificata, ha individuato L'Aquila come la città abruzzese al quale destinare tali fondi. Evidentemente perché, come già ribadito più volte in sede di conferenza e di comitato ristretto dei sindaci, le azioni poste in essere dal direttore generale appaiono fondate e concrete anche ai vertici dello Stato. L'altra riguarda il potenziamento della nostra struttura ospedaliera, che vedrà rafforzato il proprio ruolo centrale nel campo delle prestazioni sanitarie (sia quantitativamente che qualitativamente), tanto a livello regionale quanto nazionale. Ciò vuol dire maggiori garanzie per i pazienti e maggiore efficacia nell'erogazione dei servizi, a tutto vantaggio della salute della gente. Pertanto, la sanità aquilana si appresta a diventare un vero e proprio punto di riferimento che potrà anche determinare un incremento esponenziale dell'immagine della città».
Alla realizzazione del Polo riabilitativo partecipa anche l'Università dell'Aquila con un contributo di un milione e mezzo.

23/07/2007 12.43