Il sindaco rompe il silenzio: Piotr Lachert interrompe lo sciopero della fame

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1259

PESCARA. Dopo nove giorni di sciopero della fame, indetto da Piotr Lachert pur di riuscire ad ottenere un incontro con le istituzioni abruzzesi, è il sindaco Luciano D’Alfonso il primo a rompere il silenzio delle autorità.
L'obiettivo di Piotr, che ha iniziato lunedì 25 giugno a nutrirsi solo di acqua e vitamine seguito da un rappresentante della Asl di Spoltore, era smuovere il pachidermico sistema burocratico e potersi finalmente sedere a tavolino con le autorità per discutere delle Competizioni Artistiche Mediterranee e l'Osservatorio Permanente Internazionale dell'Arte Mediterranea (O.p.i.a.m.) per i quali l'associazione Porto Autorità Artistica si è formata nel 2005.
Il sindaco di Pescara Luciano D'Alfonso ha incontrato un delegazione dell'associazione Porto nel primo pomeriggio di ieri.
Il Presidente Piotr Lachert, compositore, il docente di conservatorio Massimo Salcito e il flautista Marco Felicioni hanno preso accordi secondo i quali lo sciopero della fame sarà sospeso.
Oggi verrà presentata tutta la documentazione relativa all'iniziativa; e se non verrà data una risposta (di adesione o di dissociazione che sia) entro dieci giorni, lo sciopero della fame verrà ripreso.
In caso di approvazione, il sindaco Luciano D'Alfonso ha promesso di contattare lui stesso i vertici della Provincia e della Regione affinché Porto abbia tutte le carte in regola per presentare richiesta all'UE di coprire il 60% del budget previsto (circa 900mila euro su un milione e mezzo).
Per O.p.i.a.m. si intende un pool internazionale di operatori culturali che lavorerebbe ad una banca dati degli eventi culturali del bacino del Mediterraneo, con relativi servizi divulgativi, nell'arco degli anni 2007 – 2009. Le Competizioni saranno un momento di promozione culturale e sociale per la costa adriatica e per quasi duemila giovani artisti che verrebbero in Italia per mettersi a confronto e socializzare in tutti i campi espressivi esistenti.

04/07/2007 8.50