Rapina da 260 euro finisce in sparatoria, si cercano ancora due rapinatori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2889

LORETO APRUTINO. Una rapina trasformatasi in sparatoria questa mattina a Loreto Aprutino. Ferito un malvivente, si cercano ancora due complici.
I tre rapinatori stranieri si erano introdotti in una abitazione del comune pescarese.
Sono rimasti dentro alcuni minuti per poi uscire con il bottino non ancora quantificato.
Poi sono saliti a bordo di un'auto, probabilmente rubata, e si sono allontanati in fretta dall'abitazione saccheggiata.
Il caso ha voluto che qualcuno abbia notato i malviventi, allertando subito la stazione dei carabinieri.
Questo ha permesso l'arrivo tempestivo di una pattuglia dei militari che ha individuato la macchina dei tre, lanciandosi all'inseguimento, in località Lago Verde.
La fuga è durata alcuni chilometri.
I tre sentivano il fiato sul collo e ad una curva sono usciti fuori strada.
I due passeggeri sono fuggiti senza esitazione per mettersi in salvo.
Il guidatore, invece, si è attardato ed è rimasto indietro essendo sotto tiro.
Attimi di terrore: un carabinieri ha più volte intimato al bandito di scendere dall'automobile con le mani in alto, l'altro invece lo avrebbe minacciato e tentato di aggredire con un coltello.
Non c'è stato tempo per pensare ed è partito un colpo.
La pallottola ha colpito il fuggitivo all'addome ed è stato necessario trasportare il ferito all'ospedale di Pescara.
Non sarebbe in pericolo di vita avendo riportato solo una ferita superficiale al torace.
Arrivato in ospedale con l'ambulanza si è scoperto che la banda sarebbe composta da giovanissimi della Croazia.
Il ferito ha solo 28 anni e potrebbe fornire agli inquirenti dettagli per il ritrovamento dei due complici.
Tutta la refurtiva è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari.
L'operazione dei carabinieri della Provincia di Pescara è ancora in corso con un nutrito dispiegamento di uomini e mezzi.

20/06/2007 11.40

UNA RAPINA DA 260 EURO

L'episodio è avvenuto nei pressi del ristorante “la Bilancia”. I tre stranieri si sono introdotti nell'appartamento di una anziana signora che è ancora sotto choc.
La donna ha raccontato attimi da incubo ai militari che l'hanno interrogata. Sarebbe stata immobilizzata e minacciata. I ladri però cercavano il bottino che evidentemente non hanno trovato visto che sono riusciti a portarsi via solo 260 euro.
I rapinatori sono poi fuggiti su una Fiat Marea che è finita fuori strada.
Alla guida c'era Ibro Subotic, croato di Zagabria di 29enne, senza fissa dimora in Italia, che è quello che ha estratto il coltello ed è stato ferito.
Al momento l'uomo è in stato di arresto piantonato nel reparto di chirurgia del Santo Spirito di Pescara.
Intanto proseguono le ricerche dei fuggiaschi.

20/06/2007 14.50