Referendum sul traffico, arriva l'ok ufficiale. Si vota ad ottobre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1128

Referendum sul traffico, arriva l'ok ufficiale. Si vota ad ottobre
PESCARA. Il Collegio dei Garanti ha ufficialmente dichiarato «ammissibile» il Referendum consultivo sul nuovo Piano urbano del traffico di Pescara. La decisione è stata assunta stamattina, nel corso della riunione dell'Organismo, composto dal presidente del Tribunale di Pescara, dal presidente del Consiglio comunale Gianni Melilla, dal difensore civico Maria Di Tillio, dal presidente dell'Ordine degli Avvocati Lucio Stenio De Benedictis e dal segretario generale del Comune Vincenzo Montillo.
Il numero dei cittadini residenti a Pescara che ha firmato per chiedere il referendum è stato pari a 5.200, ossia oltre il 5% degli aventi diritto al voto (secondo i dati anagrafici aggiornati appena lo scorso aprile).
«A questo punto», ha spiegato il consigliere di Alleanza Nazionale Albore Mascia, «restano solo due passaggi: innanzitutto una delibera di giunta con la quale si dovranno stabilire le modalità di svolgimento della consultazione referendaria». Già si sa che verranno utilizzati tutti i 32 plessi scolastici esistenti.
«Una consultazione elettorale 'tradizionale'», ha sottolineato ancora Mascia, «costa solitamente circa 800 mila euro, il Referendum sul traffico non supererà i 150 mila euro accorpando più sezioni nei vari plessi, così da aprirne solo 50 e si voterà in un solo giorno, dalle 8 alle 22, anziché due giorni».
Nella delibera di giunta dovrà essere prevista anche la variazione di bilancio per stanziare la somma necessaria allo svolgimento del Referendum, «e dispiace che la giunta comunale, pur sapendo della procedura in atto, non abbia già reperito la cifra necessaria nell'ultimo bilancio di previsione». Infine ci sarà l'ultimo passaggio in Consiglio comunale per il via libero definitivo e per stabilire la data di svolgimento della consultazione, «le date indicate – ha anticipato il consigliere Mascia – sono la seconda o la terza domenica di ottobre, o ancora, in alternativa, la seconda domenica di novembre».

19/06/2007 10.31