Finmek, arriva la mobilità lunga per 347 lavoratori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1394

L'AQUILA. E' stato raggiunto l'accordo per i lavoratori della Finmek Solutions, che consentirà a 347 addetti dello stabilimento aquilano di poter usufruire della mobilità lunga. Il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente che si era battuto in prima linea (come parlamentare) per la questione appare in queste ore molto soddisfatto.

L'AQUILA. E' stato raggiunto l'accordo per i lavoratori della Finmek Solutions, che consentirà a 347 addetti dello stabilimento aquilano di poter usufruire della mobilità lunga.
Il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente che si era battuto in prima linea (come parlamentare) per la questione appare in queste ore molto soddisfatto.

«Questa operazione», ha commentato, «rappresenta il completamento del lavoro che ho intrapreso attraverso il cosiddetto emendamento Cialente" alla Finanziaria 2007, finalizzato per l'appunto a garantire questo percorso di mobilità non solo
per la gran parte delle maestranze dell'industria che ha sede nel capoluogo abruzzese, ma anche per tutte gli altri siti italiani del gruppo in questione».
Dopo le preoccupazioni legate alle sorti del gruppo e le recentissime vicende giudiziarie, la notizia rappresenta una boccata d'ossigeno.
«Sono perfettamente consapevole», ha aggiunto Cialente, «che la mobilità lunga non risolve interamente i problemi dei lavoratori Finmek, ma certamente 350 famiglie possono tirare un sospiro di sollievo. Non è poca cosa, se rapportata al "baratro" che poteva aprirsi davanti a loro, se questa azione non fosse andata a buon fine».
Ora, l'attenzione, il sindaco lo sa bene, deve spostarsi sui 178 addetti che non rientrano in questa procedura. Anche per i lavoratori che rimangono in fabbrica si apre una prospettiva molto importante, ed è quella legata alla soluzione industriale che porterà il gruppo Compel, leader nel settore dell'alta tecnologia, a rilevare la Finmek, riassorbendo parte delle maestranze in questione, per le quali, comunque, proprio in virtù dell'interesse della Compel, è stata possibile la proroga della cassa integrazione. «Anche tale operazione», ha assicurato Cialente, «sarà da me seguita passo dopo passo, in modo tale da concludere positivamente, sotto ogni punto di vista, la questione legata allo stabilimento di Pile».


14/06/2007 9.49