Omicidio tassista, altri due nuovi arresti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

770

PESCARA. Parole chiave: riserbo e cautela. Arrivano nuovi sviluppi e nuovi arresti per il caso dell'omicidio di Dante Libonati,
il tassista di 77 anni di Montesilvano, ucciso e incaprettato lo scorso 12 marzo. Se i carabinieri di Chieti hanno annunciato una svolta, si mostrano però ancora molto cauti e chiedono stretto riserbo sulla questione fino a che non saranno completati almeno le perizie tecniche dei Ris
di Parma. Dopo il primo arresto del presunto killer avvenuto nel mese di marzo, e
un secondo nel mese di maggio
di un albanese che stava per imbarcarsi e tornare al suo paese, ieri sera altre due persone sono state arrestate per l'omicidio dell'anziano punito con la morte, così sostengono gli inquirenti, per aver tentato di far uscire dal giro della prostituzione alcune ragazze.
I carabinieri stanno ancora facendo approfondimenti e hanno fornito pochissimi elementi sul nuovo arresto. Si tratterebbe però di un uomo e una donna «fortemente coinvolti nell'omicidio del tassista». I due sono stati fermati al Nord Italia e i militari chiedono silenzio dal momento che sono ancora in corso le indagini anche di natura tecnica da parte dei carabinieri del Ris di Parma. I particolari di quest'ultima operazione saranno infatti resi noti in una conferenza stampa che si terrà non prima della prossima settimana.

13/06/2007 14.37