Tredici comuni fondano il "Distretto del benessere"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

925

CARAMANICO TERME. Si chiama Dab, Distretto abruzzese del benessere, il progetto che unisce tredici comuni interni delle province di Pescara e L'Aquila. L'iniziativa è stata presentata a Caramanico Terme dal sindaco, Mario Mazzocca, nel corso della prima edizione della Festa della montagna e dei Piccoli comuni alla quale hanno preso parte i partner del progetto: Regione Abruzzo, Provincia di Pescara, Confindustria e Aptr.
Il Distretto, come detto, mette insieme 13 comuni che pur avendo alcuni di essi peculiarità turistiche diverse, vuole generare un'unica azione di promozione del territorio in modo da rendere completa l'offerta turistica dei comuni dell'Abruzzo interno.
Il Dab è finanziato dalla Regione Abruzzo per circa 300 mila euro ed è composto dai comuni di Caramanico Terme, Popoli, Canistro, Raiano, Rivisondoli, Sant'Eufemia a Maiella, Salle, Abbateggio, Roccamorice, San Valentino, Scafa, Serramonacesca e Sulmona. Vi fanno parte, dunque, comuni che puntano sul turismo termale (Caramanico Terme, Popoli, Canistro, Raiano, Rivisondoli), ma anche città, come Sulmona, che invece possono garantire una buona offerta di turismo culturale.
«Il comparto del turismo termale rappresenta una nicchia importante della nostra offerta. Nel caso del Dab si parte dal turismo termale, ma è anche vero che il progetto ha un respiro turistico di portata ben più ampia. Per questo abbiamo garantito il nostro sostegno finanziario», ha detto l'assessore al Turismo Paolini.
Il sindaco di Caramanico Terme ha sottolineato che il «Dab è anche un distretto produttivo dove trovano sede azioni di marketing e promozione dei territori e dove tutti i soggetti produttivi sono chiamati ad uno sforzo collaborativo».
Tra i partner del Dab figura anche la Provincia di Pescara e l'assessore al Turismo, Paolo Fornarola, ha spiegato questa partecipazione con «l'attenzione che l'ente provinciale ha deciso di dedicare ai piccoli comuni del proprio territorio». «Sono loro la vera ricchezza della Provincia - ha detto - e il Distretto abruzzese del benessere vuole unire l'offerta turistica della valorizzazione ambientale con quella culturale».

09/06/2007 8.22