Vasto: il Pronto Soccorso cambia e nasce il Day Hospital oncologico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

973

VASTO. Nuova vita per il Pronto Soccorso dell’Ospedale “San Pio da Pietrelcina” di Vasto, oggetto di importanti lavori di ristrutturazione e ampliamento che lo hanno trasformato in una vera e propria area emergenza-urgenza moderna, funzionale e dotata delle migliori attrezzature. L’inaugurazione ufficiale dei nuovi locali avverrà venerdì 8 giugno alle ore 11.15.
«Il primo passo verso la realizzazione della nuova area emergenza-urgenza è stato l'ampliamento della superficie disponibile, che, grazie all'accorpamento con i vecchi locali dell'endoscopia, è quasi raddoppiata, passando da 200 a 390 metri quadrati», spiegano dalla direzione sanitaria.
«In tal modo è stato possibile realizzare nuovi ambulatori, sale visita, servizi igienici e soprattutto due stanze destinate all'osservazione breve (per un totale di 4 posti letto), che consentiranno ai medici del pronto soccorso di tenere sotto osservazione per 12 - 24 ore quei pazienti per i quali, pur non rendendosi necessario un ricovero in reparto di degenza, non appaia completamente sicura una dimissione immediata. Sono stati poi eseguiti importanti lavori di ristrutturazione dei locali già in uso al Pronto Soccorso, con la realizzazione di una sala emergenza attrezzata e di una destinata ai piccoli interventi chirurgici, l'ammodernamento delle medicherie, degli ambulatori e l'adeguamento di tutta l'impiantistica».
I lavori, affidati alla ditta Di Giovanni di Chieti per una spesa di 175.000 euro, sono stati portati a termine in cinque mesi senza limitare in modo significativo l'attività dell'Unità Operativa.
Le novità per il Pronto Soccorso del “San Pio” non finiscono qui.
Sono già in previsione, infatti, ulteriori interventi di cui i più importanti sono la realizzazione della camera calda e della sala per la diagnostica robotizzata.
La prima sarà una sorta di “area protetta” che verrà utilizzata per far scendere i pazienti dalle ambulanze e trasportarli all'interno del Pronto Soccorso «garantendo loro il miglior comfort possibile, e che verrà realizzata nell'area antistante l'ingresso dell'area emergenza».
La sala per la diagnostica robotizzata, invece, sarà una sorta di “mini radiologia” al servizio del Pronto Soccorso che verrà dotata di una speciale attrezzatura radiologica in grado di ruotare intorno al paziente che rimane invece completamente immobile, a tutto vantaggio della sua sicurezza specie in caso di politraumi o sospetti traumi della colonna vertebrale.
Entrambi gli interventi sono in corso di affidamento alle imprese realizzatrici.
«Il Pronto Soccorso di Vasto – puntualizza il Direttore Generale della Asl Michele Caporossi – l'anno scorso è stato il secondo in Abruzzo per numeri d'ingressi dopo quello dell'ospedale di Pescara. Era quindi indispensabile dar corso a interventi di ampliamento e adeguamento che lo rendessero funzionale alle necessità di un territorio che, specie in estate, ho delle grosse esigenze da soddisfare. Il Pronto Soccorso di Vasto sarà il tassello più importante del nuovo sistema di emergenza-urgenza nel vastese che la Asl sta realizzando e che passerà anche attraverso la ridefinizione del servizio 118, sempre con la finalità di offrire a tutti i cittadini del territorio il medesimo livello di assistenza».
07/06/2007 8.43