Caldarelli:«Inquinamento come una metropoli. Occorrono soluzioni in fretta»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1594

SAN GIOVANNI TEATINO. L’Amministrazione Comunale di San Giovanni Teatino ha commissionato nei mesi scorsi una campagna di monitoraggio atmosferico, condotta in collaborazione con il Consorzio M. Negri Sud, per rilevare i livelli di inquinamento nelle zone più trafficate del proprio territorio. I risultati di detto monitoraggio mettono in evidenza come la situazione da inquinamento da polveri sottili (PM 10) è molto allarmante, assimilabile a quelli di una città di grandi dimensioni.
«Risulta evidente, quindi», ha spiegato il sindaco Verino Caldarelli, «che questa Amministrazione deve affrontare il problema con la massima urgenza e con l'individuazione di tutte le misure necessarie finalizzate sia al rientro dei parametri nei limiti di legge, ma soprattutto per salvaguardare la salute pubblica. Dovendo, quindi, mettere in atto, in ordine al traffico veicolare, tutte le azioni necessarie ed opportune per la riduzione dell'inquinamento, ritengo che le soluzioni (limitazioni quantitative e/o qualitative) debbano, per quanto possibile, essere condivise con tutte le istituzioni di competenza e territorialmente limitrofe al Comune di San Giovanni Teatino».
Il sindaco del Comune di San Giovanni Teatino, Caldarelli, ha convocato un incontro che si terrà mercoledì 6 giugno alle 12 nella piazza del municipio a Sambuceto «per meglio valutare l'utilità o la necessità di interventi dei quali più volte si è parlato».
L'accenno ancora una volta è per il raddoppio dell'Asse Attrezzato, ma anche dell'incremento dei mezzi pubblici o della realizzazione della metropolitana leggera.
Al tavolo dei lavori ci saranno i presidenti delle province interessate, l'assessore ai trasporti della Regione, i sindaci di Pescara e Chieti, l'Anas ed il presidente della Saga.

04/06/2007 16.02