Vasto, opere pubbliche da realizzare. Menna: «dopo la strada altri interventi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1563

VASTO. «Tante opere in cantiere dai costi sostenibili».

Parla così il consigliere comunale di Vasto Ivo Menna a poche ore dall’apertura della strada di collegamento tra via Trave (Istonia) e la Statale 16, per un totale di 250 mila euro. Un’opera che secondo il consigliere potrebbe essere la prima di una lunga serie.

«Perché di cose da fare a Vasto ce ne sono», dice Menna, «a partire dal Parco Diomede (eliporto) che ha vissuto per anni con i continui sversamenti di rifiuti di ogni genere compreso amianto e altri rifiuti di inerti sotto gli occhi delle amministrazioni che hanno dovuto attingere alle casse del comune aumentando la Tarsu (tassa sui rifuiuti solidi) per la bonifica parziale del sito con cadenza mensile. Oggi quel parco ha bisogno di seri interventi di restauro e di rigenerazione ambientale, nuove piantumazioni, per dare inizio ad un’opera verde dopo la prima villa comunale».

C’è poi il problema di via Anghella che unisce via S. Lucia con l’Istonia che porta su Vasto e Vasto Marina «e da tempo in attesa di illuminazione e i marciapiedi». Si aggiungono alla lista delle opere da ristrutturare anche la fontana ai piedi di via Porta Palazzo (fonte di acque dolci provenienti dalle colline di Vasto) ed i giardini.

«Non vi è forse uno spreco grande d'acqua potabile», si chiede Menna, «che se raccolta in grandi contenitori cisterne potrebbe essere destinata ad usi pubblici stante la carenza e il consumo accresciuto da parte della citta’ che conta oltre 40 mila abitanti e una rete idrica che perde circa il 50% di acqua per il suo degrado?». Anche gli interventi su Palazzo D'Avalos e i giardini, secondo il consigliere, potrebbero migliorare di molto la situazione.

«Riaprire gratuitamente i giardini napoletani, in modo da creare un'unica passeggiata sulla balconata orientale aprendo l'ingresso della sala Vittoria Colonna e sostituire la balaustra d’ingresso della sala Vittoria Colonna che da anni attende solitaria di essere ripristinata non è impossibile». Di cose da fare ce ne sarebbero, insomma «ma ora», dice Menna, «tutto è nelle mani dell’assessore Marra che ha una grande occasione per dimostrare di essere politicamente autonomo, indipendente, autorevole rispetto ad un confusissimo Pd e centro sinistra vastese».

29/10/2011 11.22