Riserva naturale San Giovanni in Venere: approvato regolamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2567

FOSSACESIA. La Riserva “dimenticata” continua a crescere.

Continua a crescere la Riserva “dimenticata”. Sono arrivati il logo, partorito dalla penna dell’artista Franco Sacchetti di Vasto, un nuovo percorso mtb/pedonale di 5 Km, definito dall’esperto bosniaco Tihomir Dakic e la mascotte, che sicuramente farà felici i più piccoli, Spider Mouse della grafica bulgara Polina Stoyanova, nati all’interno del Corso di formazione UE sulle Aree Protette, Green areas for social and economic youth development promosso da Arci e Amministrazione Comunale con il supporto del Programma “Youth in action” della UE.

«“Il bilancio dei 7 giorni di confronti e lavoro è sicuramente positivo – afferma Andrea Natale (PRC-FDS), Assessore all’Ambiente di Fossacesia – il livello dei partecipanti era alto e lo si può vedere dai risultati prodotti. Abbiamo posto le basi per proseguire le attività poste in essere e individuato tematiche quali agricoltura, pesca, turismo e inclusione sociale sulle quali impostare la progettazione futura con questa partnership».

Altro momento importante per la Riserva Naturale Regionale “San Giovanni in Venere”, individuata dalla Legge Regionale n°05/2007, si è avuto nell’ultimo Consiglio Comunale di martedì 25 ottobre con l’approvazione con voti unanimi del Regolamento che andrà a normarne la gestione, la fruizione e l’attuazione delle norme di salvaguardia.

«Dopo la definizione del Piano d’Azione - dichiara Natale – avvenuta nel 2010, con il regolamento andiamo a definire gli organi di gestione, le modalità della stessa e normiamo la fruizione, dando attuazione alle misure di salvaguardia definite dalla L.R. n° 05/2007. Allo stato attuale – precisa l’assessore – siamo l’unica Riserva Regionale nata con la suddetta legge ad avere gli organi di gestione definiti, un Piano d’Azione e un regolamento per operare, nelle more della attribuzione delle risorse economiche per elaborare il Piano di Assetto Naturalistico ed attuarlo. Restiamo in attesa di una risposta dalla Regione Abruzzo, in particolare dall’Assessore Giuliante, che non ci ha ancora risposto».

«Se l’Abruzzo vuole ancora fregiarsi del titolo di Regione Verde dei Parchi – sottolinea Natale – non può defilarsi dal sostegno necessario alle Aree Protette Regionali. Non è accettabile che si istituiscano nuove Aree Protette senza assegnare loro risorse per la gestione e addirittura si pensa di tagliare ulteriormente le risorse per il prossimo anno. Non si può non premiare l’impegno di quelle realtà che ci credono veramente e lavorano bene – insiste Natale - soprattutto non possiamo negare risorse ad un settore che in tempi di crisi ha un fattore di ritorno dell’investimento di 10€ ogni euro investito e ha tassi di crescita a due cifre per quanto riguarda le possibilità legate al turismo natura e può generare nuovi posti di lavoro soprattutto per i giovani».

29/10/2011 8.19