Rifiuti: si amplia a Vasto l'area della raccolta differenziata

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

896

VASTO. Si amplia il servizio di raccolta differenziata a Vasto.

A partire dal prossimo 7 novembre, il servizio porta a porta sarà esteso nella zona a ridosso dell'ospedale mentre dal 17 toccherà a tutto il quartiere San Paolo, via del Porto e traverse. Appena un mese fa il Wwf aveva "strigliato" l'amministrazione comunale lamentando ritardi nell'ampliamento della differenziata. Ritardi ammessi dall'assessore all'Ambiente Anna Suriani: «Avevamo bisogno di effettuare una verifica sul servizio, di analizzare dati e costi. Ora possiamo dire che il conferimento dell'indifferenziato è diminuito sensibilmente. Ad oggi la differenziata si attesta tra il 30 ed il 35% ma l'obiettivo è quello di raggiungere almeno il 60% in modo da poter intervenire anche sulla riduzione della Tarsu. Prima di partire con l'estensione del porta a porta andavano risolti alcuni problemi», evidenzia Suriani.

Infatti, nonostante la collaborazione assicurata dalla maggioranza dei cittadini, il Comune ha rilevato che esistono sacche di resistenza, conferimenti impropri che ora la Polizia municipale, avviata una serie di controlli, sta sanzionando. «Bisogna fare di più ma anche procedere per gradi, dando la possibilità al cittadino di abituarsi alla nuova organizzazione. Ora siamo pronti per ripartire».

Restano fuori dal porta a porta la Marina e le campagne. Con sei milioni di euro in bilancio, due dei quali destinati al Civeta e quasi quattro alla Pulchra, l'igiene urbana rappresenta una delle principali voci nel bilancio comunale. Spese, cui vanno aggiunti i costi della bonifica delle discariche abusive, che il Comune fronteggia con fondi propri visto che il milione di euro promesso dalla Regione, per la realizzazione delle isole ecologiche e per il piano di riconversione del Civeta, a Vasto non è mai arrivato.

25/10/2011 8.15