Terremoto, pubblicato il bando per la ristrutturazione del tribunale di Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2211

CHIETI. Anche il tribunale di Chieti subì danni dal sisma di oltre due anni e mezzo fa. Solo qualche giorno fa però è stato pubblicato il bando che avvia l’iter amministrativo della ristrutturazione.

CHIETI. Anche il tribunale di Chieti subì danni dal sisma di oltre due anni e mezzo fa. Solo qualche giorno fa però è stato pubblicato il bando che avvia l’iter amministrativo della ristrutturazione.

Ci sono voluti 29 mesi tra polemiche, appelli e promesse a vuoto perché fosse pubblicato il Bando di gara che condurrà all’avvio dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione del Tribunale di Chieti. Il soggetto attuatore individuato nella Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ovvero il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Lazio Abruzzo e Sardegna, ha nei giorni scorsi concluso la fase della preparazione e messo on line il bando.

Si tratta di una notizia che viene accolta con grande soddisfazione dall’Avvocatura Teatina che si è data da fare nei mesi scorsi per illustrare le difficoltà e sensibilizzare le istituziooni sui problemi oggettivi e logistici che la giustizia teatina subisce.

Lo scorso dicembre venne ottenuto il finanziamento necessario per l’avvio della gara.

«La scansione procedimentale ed i successivi tempi assegnati per lo svolgimento dei lavori dovrebbero condurre alla ultimazione degli stessi entro un biennio», spiega il presidente degli avvocati, Pierluigi Tenaglia, «finalmente potranno essere superati i numerosi disagi che quotidianamente gli Avvocati e l’intera cittadinanza si trovano ad affrontare nel frequentare i locali provvisori dei diversi Uffici giudiziari. Al proposito l’Avvocatura ha mostrato grande maturità offrendo la massima collaborazione, in vista del ritorno presso lo storico immobile del Tribunale

La sistemazione definitiva del Tribunale saprà concorrere alla efficienza complessiva della macchina giudiziaria».

Da anni si elencano le decine di problemi che riguardano l’amministarzioned della giustizia teatina che soffre principalmente di spazi angusti e non razionalizzati, di depositi insufficienti e di aule ormai non più consone al volume di cause che aumentano sempe più da anni.

12/09/2011 13.48