Cassa integrazione in arrivo alla Denso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1655

SAN SALVO. Cinque giorni di cassa integrazione guadagni ordinaria a fine settembre, sei l'ultima settimana di ottobre alla Denso di San Salvo.

E' stato concordato ieri presso l'associazione Industriali di Vasto nell'incontro tra la direzione aziendale della Denso, le organizzazioni territoriali sindacali Fim, Fiom, Uilm, Fismic e la rsu di fabbrica. Ieri la direzione aziendale ha comunicato la necessità del ricorso alla cassa integrazione, ricorso reso necessario dalla consistente riduzione delle commesse, dovute ai forti tagli rispetto alle previsioni da parte dei clienti, con evidenti ricadute in negativo sui nostri volumi produttivi.

«In questo mese», dicono i sindacati, «la cig sarà effettuata da lunedì 26 a venerdì 30 settembre. Riguardera' tutte le lavorazioni, ad eccezione di tutti gli alternatori, montaggio e sottogruppi, che lavoreranno lunedi' 26 settembre, la Procma ed il "condizionato", che lavoreranno lunedi' 26 e martedi' 27 settembre. Nel contempo, negli ultimi giorni di settembre, e' prevista l'effettuazione del secondo inventario dell'anno fiscale, come richiesto dalla casa madre e molti lavoratori saranno al lavoro. Percio' che concerne la cig di ottobre sara' effettuata nell'ultima settimana del mese, da lunedi' 24 a lunedi' 31 ottobre. Per le lavorazioni interessate al fermo, le u.t.e, il numero dei lavoratori, si parlera' nel dettaglio nelle prossime settimane».

Le organizzazioni sindacali della Denso, oltre che dichiararsi preoccupate della situazione e delle previsioni produttive del prossimo futuro e prendendo atto che c'e' un «inasprimento» del ricorso alla cig, hanno chiesto alla direzione aziendale di essere «molto attenta» nella gestione della pratica, cercando il piu' possibile di ridividere i sacrifici tra tutti i lavoratori e non creando sacche di privilegio. «Nel contempo», fanno sapere sempre i sindacati, «chiediamo a tutti i lavoratori di respingere con fermezza ogni possibile pressione o intimidazione messa in atto da parte di qualsiasi struttura aziendale, nell'ottica di intimorire i lavoratori per poterli adoperare a proprio piacimento e volontà».

Su questo la rsu Denso risponderà con «durezza ed estrema fermezza» contro questi atteggiamenti «illegittimi, arrogati ed inopportuni». Lunedi' 12 settembre, su richiesta della rsu, si terrà inoltre un incontro con la direzione e la nuova ditta del servizio mensa Compass Group Italia.

10/09/2011 9.41