Elezioni Vasto, Menna: «l'Udc avrà un proprio candidato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1785

VASTO. Alle prossime elezioni comunali, in programma nella primavera del 2011, l’Udc di Vasto parteciperà con un proprio candidato e una propria lista.

Lo ha annunciato Antonio Menna, capogruppo Udc al Consiglio regionale, stigmatizzando che la decisione è conseguenza di un quadro politico confuso in cui «sia la destra che la sinistra sono protagoniste di una squallida competizione basata su arbitrarie autocandidature e sull’autoreferenzialità e non su validi programmi elettorali».

L’Udc «punta al cambiamento» aprendo le porte alla società civile. «Invitiamo tutti i cittadini», spiega Menna, «ad aderire al nuovo “Partito della Nazione” e al progetto elettorale per Vasto che si attuerà con una lista di 24 candidati formata da professionisti capeggiata da un candidato sindaco di alto profilo, da scegliere insieme, con un’azione concorde tra Partito locale e candidati».

Nello stesso tempo, è in atto il cammino per approdare al “Partito della Nazione”, tappa decisiva per «un cambiamento di rotta» e per «una valida alternativa al centro-sinistra di Lapenna, dimostratosi non all’altezza di governare la città; e al centro-destra, dilaniato da profonde divisioni interne».

«Noi», aggiunge Menna, «vogliamo ripartire dai problemi dei cittadini, delle famiglie, dei giovani e dei disoccupati puntando dritto sulle questioni essenziali: rilancio dell’occupazione, promozione del turismo e della cultura, equilibrata crescita urbanistica (evitando spropositi come quello eclatante segnalato di recente dal Vescovo, padre Bruno che ha raffigurato Vasto soggiogata da uno sviluppo edilizio abnorme e inutile), in modo da rilanciare ragionevolmente e concretamente l’economia reale».

La questione urbanistica ingloba anche risvolti ambientali di cui l’Udc, assicura oggi, «terrà conto con una politica di salvaguardia, di conservazione e di valorizzazione, soprattutto a vantaggio delle peculiarità del territorio, della costa e delle riserve. Nostro primario impegno – conclude il Capogruppo regionale dell’Udc - sarà anche rivolto verso la riconversione dell’area industriale, prediligendo lo sviluppo del commercio, del terziario e dei servizi in genere».

29/09/2010 8.49