Rapinatore arrestato dalla polizia: tradito dal nome tatuaggio sul braccio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5545

VASTO. E’ stato arrestato questa mattina dalla polizia di Vasto il pregiudicato vastese di etnia rom Sante Bevilacqua, di 18 anni.

Il giovane lo scorso 6 luglio ha messo a segno una rapina ai danni di una macelleria del litorale, riuscendo a portarsi via un bottino di quasi 2000 euro. Ha approfittato della momentanea assenza del titolare che aveva visto entrare nella vicina farmacia e, parcheggiato lo scooter nei pressi del locale, si era subito introdotto all’interno, con il casco ben calzato per non essere riconosciuto.

In modo fulmineo è arrivato dietro il bancone e ha aperto la cassa impossessandosi dei soldi, ma non si è accorto della presenza di una dipendente della macelleria che, uscita da uno stanzino posto sul retro l’ha sorpreso nel prendere i soldi. La signora ha preteso spiegazioni e ha obbligato il giovane rom ad aspettare il ritorno del titolare. Il rapinatore, ormai braccato, ha spintonato violentemente la donna e mettendole le mani sul collo l’ha strattonata e subito dopo ha guadagnato l’uscita. E' salito a bordo dello scooter di colore verde ed è partito a forte velocità con il rischio di investire la donna che nel frattempo ha continuato ad inseguirlo. Nonostante il giovane avesse una certa esperienza in fatto di reati contro il patrimonio, ed aveva il viso coperto dal casco, ha commesso degli errori che gli sono stati fatali.

Dalle indagini effettuate e dalle informazioni raccolte dalla squadra anticrimine, coordinata dal dirigente Cesare Ciammaichella, alcuni elementi si sono rivelati fondamentali ai fini dell’identificazione del rapinatore. Primo fra tutti un tatuaggio che il giovane rom ha sull’avambraccio destro e che riproduceva il suo nome di battesimo.

Non si è preoccupato di nasconderlo al momento della rapina. La descrizione dettagliata fornita dalla dipendente della macelleria ha trovato riscontro nelle immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso, installate all’interno dell’esercizio commerciale ed estrapolate dalla Polizia Scientifica. Infine lo scooter, di un particolare colore verde petrolio, modello “Hexagon”, a bordo del quale lo stesso rapinatore è stato visto aggirarsi non solo il giorno della rapina, ma anche in altre occasioni. Con lo stesso scooter, infatti, il giovane rom si era allontanato lo scorso mese di giugno, dopo aver commesso un furto in un negozio di abbigliamento del centro. La commessa del negozio l’ha riconosciuto in una foto segnaaletica. Il ragazzo è stato arrestato e condotto nel carcere di Vasto.

30/07/2011 12.24