Chieti, servono soldi per la sicurezza sismica delle scuole

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1370

CHIETI. La Provincia presenta un piano per la messa in sicurezza sismica degli edifici scolastici.

Il presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio e l'assessore all'edilizia scolastica Donatello Di Prinzio hanno incontrato il presidente della Regione Gianni Chiodi per sottoporre alla sua attenzione un piano per la messa in sicurezza sismica degli edifici scolastici di competenza della Provincia, edifici per i quali si rende necessario un intervento in seguito al terremoto del 6 aprile del 2009. Gli amministratori provinciali hanno indicato alcune priorità: il Liceo Classico e Convitto nazionale “G.B. Vico” di Chieti, il Liceo Scientifico “Masci” di Chieti, l'Istituto d'Arte “Nicola da Guardiagrele” di Chieti, l'Istituto Magistrale “De Titta” di Lanciano, l'Istituto Tecnico Industriale “L. di Savoia” di Chieti. «Dal presidente Chiodi ho ottenuto l'impegno a reperire le somme necessarie nell'ambito di un piano di rimodulazione dei fondi di cui al Decreto nr. 61 del 7 maggio 2011 – dice il presidente Di Giuseppantonio». Nell'occasione, inoltre, si è definitivamente chiarito che il contributo di 14.000 euro che la Regione ha destinato alla Provincia si riferiva agli unici due interventi effettuati dalla Provincia in altrettante scuole subito dopo il sisma, fra aprile e maggio del 2009: ovvero il ripristino dell'intonaco al Liceo Classico e al Liceo Scientifico di Chieti, edifici che a causa del sisma avevano riportato alcune lesioni.

«Adesso», continua il presidente, «puntiamo ad effettuare lavori strutturali per mettere definitivamente in sicurezza un patrimonio di edilizia che, oltre ai danni provocati dal terremoto,  accusa visibilmente anche il peso degli anni». «A chi come la capogruppo dell'Idv Eliana Menna accusa di debolezza Di Giuseppantonio e l'amministrazione – dice l'assessore Di Prinzio – posso rispondere che il commissario Chiodi ha già destinato 6,7 milioni di euro alla messa in sicurezza e all'adeguamento del Palazzo di giustizia di Chieti, accogliendo in pieno le richieste della Provincia di Chieti».

15/07/2011 10.26