Provincia Chieti, allarme rosso: «le casse sono vuote, si rischia il dissesto finanziario»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2530

?CHIETI. Appello del presidente Di Giuseppantonio a dipendenti e dirigenti: «Serve l'impegno di tutti o l'azione di risanamento è destinata a naufragare».

La situazione finanziaria della Provincia è sempre più critica, le casse sono praticamente vuote sia a causa dei debiti ereditati dalla passata amministrazione, sostiene l'attuale presidente, che dei mancati trasferimenti da parte dello Stato e della Regione. Ogni giorno arrivano fatture da pagare, decreti ingiuntivi e pignoramenti. Per questo motivo Di Giuseppantonio ha inviato un ordine di servizio urgente a dirigenti ed assessori affinchè attivino tutte le procedure possibili che consentano di accertare ed incassare ogni somma dovuta alla Provincia. Ciascun Settore dovrà effettuare una ricognizione dei crediti che l'Ente vanta ed indicare in una relazione le misure già attivate o da attivare per incassare immediatamente i crediti stessi. Nell'ordine di servizio il presidente Di Giuseppantonio chiede inoltre di correlare il piano di pagamenti agli incassi, senza intaccare le spese di investimento. «L'Ente è in seria difficoltà, fa fatica a garantire persino i servizi minimi come lo sfalcio delle erbe lungo le strade – dice il presidente Di Giuseppantonio. In questi due anni di governo la mia amministrazione ha cercato di fare il possibile: abbiamo eliminato gli sperperi, ridotto una serie di spese come i fitti passivi, le spese per le utenze, abbiamo tagliato di tutto e di più, abbiamo dovuto fronteggiare una serie di decreti ingiuntivi e recuperare morosità. Abbiamo dovuto eliminare i  contributi ad enti e associazioni, rinunciare alle manifestazioni estive. Oggi non c'è più tempo da perdere, siamo ad un punto critico: tutti, a cominciare da me, dirigenti, impiegati, assessori, devono avere un ruolo attivo nell'azione di risanamento perchè altrimenti, da ente strutturalmente deficitario quale già siamo, imboccheremo la strada senza ritorno del dissesto finanziario certo non per colpa nostra». Fra le somme da riscuotere ci sono tributi, come l'ecotassa, che alcuni Comuni  non versano alla Provincia dal 2006: «è intollerabile che ci sia evasione tributaria». Inoltre ci sarebbe «un rilevante» numero di pagamenti in sospeso  che l'ente potrebbe fronteggiare soltanto migliorando le condizioni di liquidità: «senza una efficace azione di recupero, anche giudiziale», insiste Di Giuseppantonio, «delle somme che ci sono dovute, e che deve accompagnarsi ad una ulteriore limitazione delle spese allo stretto necessario, non potremo far fronte all'ingente quantità di pagamenti  in sospeso. E sarà a rischio entro l'anno anche il pagamento degli stipendi. Rivolgo un accorato appello a tutti i dipendenti della Provincia perchè senza il loro sforzo e senza il loro impegno questa iniziativa finalizzata al risanamento naufragherà e il risultato finale non potrà che essere il collasso finanziario dell'ente: oggi giochiamo la partita decisiva per scongiurare che ciò accada».

 

14/07/2011 8.44