Federalismo fiscale rapace: la Provincia di Chieti aumenta la tassa Rc auto (+3,5%)

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3681

IL DOCUMENTO. CHIETI. Ha un volto rapace la prima applicazione del federalismo fiscale: succhierà oltre 1 milione e 700 mila euro ai residenti della Provincia di Chieti.

IL DOCUMENTO. CHIETI. Ha un volto rapace la prima applicazione del federalismo fiscale: succhierà oltre 1 milione e 700 mila euro ai residenti della Provincia di Chieti.

Bisogna infatti coprire un buco di pari importo per la mancata vendita di immobili. E così, quello che era stato presentato come un metodo per riconoscere la buona amministrazione, diventa di colpo l’escamotage per rendere il bilancio più in equilibrio, più piene le casse della Provincia e più vuote quelle dei cittadini.

La chicca è contenuta in un documento che accompagna il Bilancio e di cui abbiamo chiesto conferma all’assessore Alessio Monaco, alle prese con le ultime relazioni da presentare insieme al documento contabile: «Confermo. Con delibera di Giunta n° 154 del 31 maggio scorso (solo 4 giorni dopo il Dlgs sul federalismo, ndr) abbiamo aumentato del 3,5% l’imposta sulla Rc auto, che passa così dal 12,5% al 16% - spiega tranquillo – capisco che può essere interpretato male, ma al contrario è una forma di chiarezza e di onestà del bilancio. Mancavano all’appello 1.757.223,41 per le mancate vendite degli immobili e così abbiamo recuperato la cifra. Il nostro intento è di presentare un bilancio corretto e senza equilibrismi, l’aumento era obbligato».

In effetti, sono anni che le vendite di immobili vengono messe in bilancio, ma poi non si vendono, quindi i buchi aumentano.

In particolare c’è polemica per la vendita dell’ex Istituto agrario di Paglieta e di una scuola superiore di Lanciano. L’immobile di Paglieta è molto grande e possiede anche molta terra, ma è in corso il cambio di destinazione d’uso, altrimenti non se lo compra nessuno.

E questo ritardo nella vendita ingessa ulteriormente un bilancio già difficile: «13 milioni per il personale, 150 milioni per le rate di mutuo e la pratica impossibilità di accenderne altri – conclude l’assessore Monaco – debiti su debiti, ma presenteremo un bilancio vero».

Con un piccolo record: la Provincia di Chieti è una delle prime ad applicare così rapidamente il federalismo fiscale che di fatto, invece di uno sgravio, diventa un peso ulteriore per l’economia provinciale e per i cittadini tutti.

Se ci si metteranno anche i Comuni, proprio una bella novità di cui si sentiva la mancanza….

 Sebastiano Calella 10/06/2011 10.38

AUMENTO RC AUTOPROVINCIA DI CHIETI