Rapina dei coetanei e ne accoltella uno, minorenne nei guai

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2317

CHIETI.  Rapina alcuni coetanei e ne ferisce uno con un fendente sferrato con un coltello al braccio di uno dei malcapitati.*ACCOLTELLAMENTO IN BAR DI AVEZZANO, RUMENO IN MANETTE

Con le accuse di rapina aggravata e lesioni gli agenti della squadra mobile di Chieti hanno arrestato sabato sera in flagranza un minorenne di 17 anni.

L'episodio si è verificato nella villa comunale di Chieti quando alla Centrale Operativa della Questura è giunta la notizia che due ragazzi avevano messo a segno una rapina ai danni di 4 loro coetanei di cui uno ferito ad un braccio da un fendente sferrato con un coltello da cucina.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri. Le immediate ricerche effettuate sulla base delle dichiarazioni rese dalle vittime, hanno consentito di rintracciare, nelle vie del centro storico, uno dei probabile autori, il quale a bordo di uno scooter è stato fermato dopo un breve inseguimento.

E' stata anche recuperata una felpa oggetto della rapina. Secondo la ricostruzione dei fatti, la rapina sarebbe scaturita a seguito del rifiuto da parte delle vittime di consegnare del denaro all'arrestato, già in manette nei mesi scorsi per analoghi episodi di bullismo, e al suo complice.

Alla reazione dei malcapitati verso una vera e propria vessazione, è nata una breve colluttazione sfociata nella coltellata che solo per la pronta reazione della vittima, non ha avuto più gravi conseguenze.

Le altre vittime hanno riportato solo alcune lievi contusioni escoriate. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei carabinieri per l'identificazione del complice.

06/06/2011 13.14

[pagebreak]

*ACCOLTELLAMENTO IN BAR DI AVEZZANO, RUMENO IN MANETTE

AVEZZANO. E' finito in cella con l'accusa di tentato omicidio G.M, 28 anni operaio rumeno residente ad Avezzano.

L'uomo è stato arrestato ieri mattina dai carabinieri dopo aver aggredito con un coltello due connazionali, tra cui il cognato, durante una lite in un bar del centro di Avezzano

Dopo la lite ha impugnato l'arma con una lama di circa dieci centimetri colpendo il contendente e un altro romeno intervenuto per placare gli animi.

Due carabinieri di quartiere della stazione di Avezzano che, per la vigilanza della zona di competenza, si trovavano nei pressi dell'esercizio pubblico, si sono precipitati sul posto.

Sono riusciti a bloccare il romeno trovato in possesso del coltello che e' stato sequestrato. Sopra c'erano ancora tracce di sangue.

Una pattuglia del nucleo radiomobile ha trovato un altro coltello che era stato nascosto, dopo la lite, a bordo di un'auto intestata a uno dei romeni presenti.

La macchina e' stata sequestrata poiché sprovvista della necessaria copertura assicurativa.

I due feriti sono finiti al pronto soccorso dell'ospedale di Avezzano con una prognosi di 15 e 10 giorni.

Adesso sono ancora in corso accertamenti per stabilire le cause della contesa avvenuta, fra l'altro tra due cognati.

L'arrestato e' stato rinchiuso nella casa circondariale di Avezzano a disposizione del Pubblico ministero della Procura della Repubblica di Avezzano, Maurizio Maria Cerrato, titolare del procedimento.

06/06/2011 13.40