Traffico di eroina, otto giovani in manette

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3253

LANCIANO. Sono finiti in manette in otto: l'accusa è quella di traffico di stupefacenti per un giro d'affari che, sostengono gli inquirenti, riusciva a sfiorare i 100 mila euro a settimana.

 

Le manette sono scattate per Ferdinando De Rosa, 27 anni di Vasto, Mario Di Fonso, 35 anni di Lanciano, Alessandro Tucci, 28 anni di Lanciano (ai domiciliari), Michele D'Orfeo, 22 anni di Lanciano, Enzo Gargivolo, 29 anni di Pescara, Luciano Naccarella, 56 anni di Lanciano,Nicola Melchiorre, 23 anni di Gessopalena (ai domiciliari) e Achille Di Rocco, 28 anni di Giulianova (ai domiciliari).

L'inchiesta (denominata 'Prima Pagina') è stata condotta dagli agenti dalla polizia di Lanciano, insieme al personale del commissariato di Vasto, alla squadra mobile di Chieti, agli elicotteristi di Pescara e al nucleo cinofili di Ancona. A coordinare le operazioni il pm Rosa Vecchi e ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare il gip del tribunale di Lanciano Massimo Canosa.

A far scattare l'inchiesta è stato l'arresto del mese di maggio scorso al casello dell'autostrada A14 di Lanciano. In quella occasione a finire in manette fu Emiliano Cianfrone. L'uomo, dopo una perquisizione del proprio veicolo venne trovato in possesso di mezzo chilo di eroina.

Da lì sono partite le indagine: si è ricostruita in questo modo una fitta rete di conoscenze e amicizie dell'uomo che hanno portato a smantellare il gruppo.

Secondo gli inquirenti con l'operazione di questa mattina si è messo fine ad un vasto traffico di cocaina che riusciva a coinvolgere una larga fetta della regione. Lo stupefacente, eroina per la precisione, arriva a Lanciano e nel Sangro Aventino da Giulianova, Vasto e Pescara. Non poche dosi, ma ingenti quantitativi, sostengono sempre gli investigatori, e si riusciva così a smerciare ogni 7 giorni circa 2 chili di droga.

 

21/09/2010 14.43