Comitato Protrignina: class action contro le multe degli autovelox

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2828

SAN SALVO. Il Comitato Protrignina si prepara ad una class action in difesa degli automobilisti multati sulla Fondo Valle Trigno dal 1° ottobre 2007 fino al 31 dicembre 2010.

E’ questa uno dei punti di cui il comitato discuterà nel corso di un’assembela, domenica prossima con inizio alle ore 9.30 presso l’area di servizio Il Girasole sulla Fondo Valle Trigno nei pressi del bivio di Dogliola.

Tra i punti all’ordine del giorno, fa sapere il presidente della Protrignina, Antonio Turdò, si inviteranno gli automobilisti sanzionati a costituirsi parte civile nel processo penale contro i gestori degli autovelox sulla Fondo Valle Trigno.

Sono anni che il comitato combatte dalla parte di quelli che definisce «automobilisti multati ingiustamente, a causa di autovelox collocati lungo la statale Trignina senza che vi sia una segnalitica che segnali la loro presenza» e, secondo Turdò «con questo metodo alcuni comuni abruzzesi e molisani si sono arricchiti indebitamente».

E’ per questo che durante l’assemblea del 29 maggio si discuterà su come affrontare la gestione dell’autovelox di Cantalupo nel Sannio e dell’ udienza dinanzi al Gup di Vasto del 17 maggio scorso.

Il comitato, inoltre, presenterà  l’informativa sulla richiesta di incontro con il Prefetto di Isernia, in relazione alla omogeneità e uniformità dei limiti sulla intera tratta della Fondo Valle Trigno.

Ma a tenere banco durante l’assemblea saranno anche altri temi come la questione del condono dei bolli auto e la procedura di attivazione di un protocollo d’intesa con l’associazione Codici di Pescara.

«Particolare attenzione sarà dedicata alla  richiesta di maggiore sicurezza e tutela del cittadino nel territorio vastese (altro obiettivo perseguito dal comitato)», fa sapere il presidente. 

Marirosa Barbieri 27/05/2011 15.52