Sondaggio Confcommercio Chieti: il mercato? Meglio a corso Marrucino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1561

CHIETI. “Mercato a Chieti. Dove?” E’ la domanda rivolta da Confcommercio ad un campione di 156 commercianti.

CHIETI. “Mercato a Chieti. Dove?” E’ la domanda rivolta da Confcommercio ad un campione di 156 commercianti.

 

Operano tutti in centro storico. La stessa domanda è stata posta a 23 ambulanti che espongono la propria merce lungo via della Liberazione, sede provvisoria del mercato del martedì e del venerdì.

Proprio la location del mercato sul colle continua a far discutere in città. Per questo Confcommercio ha dato parola ai diretti interessati nella giornata di martedì. Agli intervistati sono state offerte quattro opzioni di risposta: corso Marrucino, villa comunale, piazza San Giustino e “altro”.

 Ebbene i negozianti del centro storico interpellati preferiscono per il mercato la sede di corso Marrucino (52%), seguita a ruota dalla villa comunale (27%) e da piazza San Giustino (26%) mentre il 16% degli esercenti ha suggerito altre sedi con un 2% che, invece, non si è espresso in merito.

A sponsorizzare il ritorno del mercato sul corso sono, in particolare, i pubblici esercizi, i giornalai e le tabaccherie. Molto meno i titolari di negozi di abbigliamento di qualità. Chi ha risposto “altro” ha sottolineato l’esigenza di ridurre ad una sola data settimanale il mercato del colle e di dislocare le bancarelle in periferia per non occupare anche i pochi parcheggi disponibili in centro. Qualcuno, in vista di una possibile sistemazione del mercato sul corso, ha avanzato problematiche di sicurezza e ha ipotizzato danni alla pavimentazione da poco riqualificata.

Corso Marrucino è in cima alle preferenze degli ambulanti sentiti da Confcommercio. Il 56% degli intervistati vuole tornare sul corso anche perché molti denunciano cali di fatturato fino al 300% in via della Liberazione. Al tempo stesso la categoria ha lamentato il problema degli spuntisti, chiedendo maggiori controlli, e della pulizia del mercato resa difficile dalla mancanza di buste e contenitori appositi.

«Per gli spuntisti- afferma Angelo Allegrino, presidente provinciale Confcommercio Chieti- proponiamo di seguire il modello di Pescara dove gli ambulanti possono strisciare i loro badge presso il comando mobile della polizia municipale con gli spazi vuoti da poter occupare che compaiono su un apposito cartellone luminoso. Per il resto è necessario restituire dignità e sicurezza al mercato per tutelare i diritti degli ambulanti e dei negozianti che operano in centro».

 Confcommercio ha consegnato il sondaggio nelle mani dell’amministrazione comunale che, a breve, dovrà decidere dove posizionare i banconi del mercato. «Abbiamo come sempre fornito il nostro prezioso contributo agli amministratori della città in virtù- aggiunge Allegrino- di una corretta collaborazione istituzionale».

 20/05/2011 6.58