No al Nucleare, i Comuni in pericolo si mobilitano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1106

SAN SALVO. Sabato 21 maggio alle 15.30 il comitato Fermiamo il Nucleare di San Salvo parteciperà alla manifestazione “Catene Umane” che si svolgerà a Termoli.

La manifestazione verrà svolta in 10 comuni del territorio nazionale in cui potrebbero sorgere le centrali nucleari.

«Parteciperemo alla manifestazione di Termoli –afferma Luca Di Sciascio referente del comitato Fermiamo il Nucleare di San Salvo- per esprimere ancora una volta la nostra contrarietà alla realizzazione delle centrali nucleari».

« Il risultato del referendum in Sardegna di domenica 15 e lunedi 16 maggio, dove il sì per fermare il nucleare ha trionfato con oltre il 98%, dimostra come la pensano gli italiani su questa forma di energia».

La manifestazione di sabato è un ulteriore passo in avanti per informare la popolazione sul referendum del 12 e 13 giugno, «ancora oscurato dai mass media», denuncia Di Sciascio, «e sul fatto che tra i siti in cui potrebbero nascere le centrali nucleari è presente anche la vicina Termoli. Nei giorni scorsi alla centrale di Fukushima un operaio, il terzo dall’inizio dell’incidente nucleare, ha perso la vita. Non possiamo permetterci un dispendio enorme di vite umane per lo sfizio che qualcuno ha nel costruire queste centrali. L’unico passo -conclude Luca Di Sciascio- per respingere definitivamente il nucleare e recarsi alle urne il 12 e 13 giugno e votare SI».

18/05/2011 13.50