Abbattimento alberi a Chieti. Pd: «è proprio indispensabile?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1702

CHIETI. Nei giorni scorsi l' assessore ai lavori pubblici del Comune di Chieti, illustrando i lavori di ripavimentazione dei marciapiedi di via Ricci ha annunciato il taglio di alcuni alberi.

«I tronchi si presentano fortemente distorti, tanto da limitare il passaggio dei pedoni». Da qui la decisione si eliminarli per poter proseguire i lavori. Contrario alla soluzione adottata, però, il consigliere Alessandro Marzoli (Pd) secondo il quale le piante non sarebbero affette da «patologie del patrimonio arboreo, né da problemi di stabilità, né da rischi per l' incolumità dei cittadini».

In questi giorni sono stati transennati ben 24 alberi, sani, tutti con più di cinquant' anni di vita, che costituiscono una ricchezza ambientale per la città. «Quante di queste 24 piante verranno abbattute?», chiede di sapere Marzoli. «Le dichiarazioni dell' assessore sono state vaghe e non chiariscono affatto l' entità delle operazioni di abbattimento».

Il Pd vuole dunque sapere se sono state valutate tutte le opzioni alternative e se è possibile scongiurare il taglio: «i grandi alberi di via Ricci, oltre ad essere un patrimonio storico, sono soprattutto una ricchezza per molte altre specie viventi: basti pensare agli uccelli che fanno il nido nel loro tronco o che si appostano sui loro rami o al muschio che cresce lungo la loro corteccia. Insomma, un albero è un’insostituibile fonte di vita e desideriamo fortemente che prima di procedere a tagli indiscriminati, anche con la promessa di nuove piantumazioni, si valuti la possibilità di riqualificare marciapiedi e pavimentazione viaria senza procedere ad abbattere gli alberi della nostra città di Chieti».

02/05/2011 11.19