Picchia la convivente e la minaccia per giorni: arrestato uomo di Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2309

CHIETI. Una brutta ferita dovuta probabilmente ad un colpo, un pugno o una ginocchiata che ha portato ad una lunga agonia di diversi giorni e poi il ricovero in ospedale dove è stata asportazione della milza.

I fatti risalgono al 4 aprile scorso ma oggi Marco Schiazza, 41 anni di Chieti, è stato arrestato dalla Squadra Mobile di Chieti per lesioni personali gravissime, aggravate dall'asportazione di un organo, maltrattamenti in famiglia, minacce aggravate nei confronti della sua convivente.

L'arresto è avvenuto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip Paolo Di Geronimo su richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Falasca.

Il 4 aprile scorso la donna, 46 anni della provincia di Chieti, era stata ricoverata all'ospedale di Chieti in preda a forti dolori addominali, ed ai medici aveva detto di essere caduta accidentalmente dalle scale. Ma gli stessi medici, all'esito degli esami radiografici, l'avevano sottoposta ad intervento chirurgico asportandole le milza.

In seguito, sentita dai poliziotti del posto fisso, la donna aveva rivelato di essere stata picchiata selvaggiamente, come sempre per motivi banali, il 31 marzo, ma di essere stata portata in ospedale solo 4 giorni più tardi, benché in preda a fortissimi dolori.

Ha raccontato anche di un relazione fatta di continue violenze, di calci e pugni presi per motivi banali sin da novembre e mai denunciati per paura. La donna è ancora ricoverata all'ospedale di Chieti; la prognosi, sciolta da poco, é di 40 giorni. Le indagini - hanno spiegato nel corso di una conferenza stampa il dirigente della Squadra Mobile, Francesco Costantini, e quello della Volante, Gabriella Falco - sono state rese difficili dalla presenza nelle corsie d'ospedale dello stesso Schiazza, che durante il ricovero ha continuato a minacciare la donna, giungendo a portarle via il telefonino per impedirle di comunicare con la polizia. Alcuni poliziotti, allora, hanno agito in ospedale, mimetizzandosi fra pazienti ed infermieri, per seguire la situazione ed evitare conseguenze peggiori.

Fra i precedenti di Schiazza, un tentato omicidio e alcuni colpi di fucile esplosi contro la porta di un'abitazione dentro cui c'era una sua ex convivente. L'uomo, nel cui borsello la polizia ha trovato un coltello a serramanico con un lama di 11 centimetri, è stato rinchiuso nella casa circondariale di Chieti.

12/04/2011 13.48