Carlo De Felice candidato sindaco a Francavilla

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4481

FRANCAVILLA. Confermate le indiscrezioni dei giorni scorsi. Carlo De Felice è il candidato sindaco del Pdl per Francavilla al Mare.

De Felice è riuscito a scalzare perfino Daniele D'Amario, sostenuto dal senatore Fabrizio Di Stefano, che fino a qualche settimana fa sembrava in pole position, complice anche un sondaggio del quotidiano Il Centro che lo aveva designato come il preferito dei cittadini.

Nei giorni scorsi si è parlato anche di un  appoggio per De Felice da parte dell’onorevole Antonio Razzi, ex Idv oggi Noi Sud in appoggio al governo Berlusconi. E che la scelta sia derivata propria dall'indicazione di Razzi lo confermano oggi anche Mauro Febbo (coordinatore provinciale PdL) e Pasquale Di Nardo, (vice coordinatore provinciale PdL).

«Le capacità di De Felice, nonché la sua esperienza politica», dicono Febbo e Di Nardo, «faranno sì che sulla sua candidatura e sul progetto politico del PdL per il Comune, potranno convergere anche tutte le altre forze moderate presenti a Francavilla al Mare».

«L' individuazione di De Felice nasce dalla scelta all’interno di una rosa di almeno cinque persone», dice la segreteria cittadina del partito in una nota ufficiale, «tutte altamente qualificate, che avevano dato la propria disponibilità, e che ringraziamo»,

Ma la scelta è caduta su De Felice, 42 anni, medico chirurgo e capogruppo consiliare uscente «ritenendo che possa essere la figura che possa rappresentare il rinnovamento della classe dirigente, e che imprimere un cambiamento radicale nel rapporto coi cittadini anche grazie alla esperienza acquisita».

«Sono molto grato a tutti i rappresentanti del Pdl che credono in me», commenta il diretto interessato. «Tutto ciò mi inorgoglisce come cittadino e come politico ed ho dato la mia disponibilità con grande senso di responsabilità, ma anche con entusiasmo e passione civile».

De Felice ha annunciato che cercherà di costruire una ampia coalizione «coinvolgendo i partiti che gravitano intorno al Pdl, tutte le forze politiche moderate e le liste civiche, con lo scopo di dare alla città un governo stabile, coeso, in grado di risolvere i gravi problemi che negli ultimi anni hanno rallentato lo sviluppo economico, sociale e culturale della città, ispirando l’azione amministrativa al dialogo e al confronto democratico. Sono altresì convinto che per raggiungere obbiettivi così ambiziosi e impegnativi c’è bisogno del contributo di tutti i cittadini».

15/03/2011 19.46