Bazar della droga e 64mila euro in casa, arrestato 27enne a Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4297

CHIETI. Nella sua camera da letto non c’erano cd, i-pod e riviste, come in quelle di tutti i 27enni, ma droga e, soprattutto, soldi.

Tanti soldi, precisamente 64mila euro ‘custoditi’ dentro una bottiglia di rhum. Sulla scrivania, insieme a questa ‘pregiatissima’ bottiglia, anche cocaina, marijuana ed ecstasy, tutto già diviso e confezionato in dosi pronte per la vendita.

Un vero e proprio bazar della droga esposto lì, in bellavista, in un sabato sera con tutta probabilità di ‘preparazione’ allo spaccio notturno. Ma a rovinare i piani del 27enne ci hanno pensato i Carabinieri della compagnia di Chieti che hanno fatto irruzione nell’abitazione e arresto il giovane per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In manette è finito un 27enne di Pescara, M.S. le sue iniziali, che da un po’ di tempo viveva a Chieti Scalo.

L’attività è stata scoperta dai Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile che, agli ordini del sottotenente Antonio Moramarco, hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’uomo, sulle cui tracce erano già da tempo.

Il giovane, già con precedenti legati alla droga, era infatti monitorato da tempo dai militari che tenevano sott’occhio anche la sua abitazione, a Chieti Scalo, dove viveva solo, e dove aveva concentrato la sua attività illecita.

Al momento dell’irruzione dei militari, il 27enne era alle prese con l’ultimazione della fase di confezionamento. Sulla scrivania del ragazzo erano sistemati 100 grammi di cocaina, 7 grammi di marijuana e 50 grammi del potente allucinogeno Mdma (Ecstasy), il tutto accuratamente confezionato e pronto per essere immesso sul mercato. Nella stanza sono stati rinvenuti, inoltre, un bilancino di precisione, materiali e strumenti necessari al confezionamento e varie sostanze da taglio.

Ma, soprattutto, la sorpresa per i militari è arrivata quando hanno preso quella che sembrava una semplice bottiglia contenente liquore, nascosta dietro la scrivania. Al suo interno, infatti, invece del pregiato Rhum sono state rinvenute banconote di diverso taglio, accuratamente ordinate e tenute insieme da elastici per un importo complessivo di oltre 64.000 euro provento dell’illecita attività.

I Carabinieri stanno proseguendo le indagini per accertare se tutto quel denaro era provento di una precedente attività di spaccio o serviva piuttosto a essere reinvestito. L’attività dell’Arma è inoltre orientata a ricostruire la rete dello spaccio di cui, ovviamente, il 27enne è soltanto un tassello. Un giro di soldi di questa portata, infatti, fa escludere che si possa trattare di uno spacciatore isolato, ma in questo senso i militari tengono le bocche ben cucite in attesa di nuovi riscontri investigativi.

Nel frattempo il 27enne è stato dichiarato in stato di arresto e portato nel carcere di Chieti; lo stupefacente i soldi e il materiale per il confezionamento sono stati sottoposti a sequestro, a disposizione degli inquirenti.

14/03/2011 10.41