Intesa Marrucino-Isa per promuovere le eccellenze

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

733

CHIETI. De Danis: «già attiva sinergia tra Isa e sinfonica marchigiana»

L'accordo presentato ieri mattina a Chieti, nel foyer del Marrucino, tra il Teatro Lirico d'Abruzzo, unico teatro regionale di tradizione, e l'Istituzione Sinfonica Abruzzese (ISA) in occasione della prossima stagione lirica, è stato definito dall'assessore alla Cultura, Luigi De Fanis, «un connubio ideale tra due eccellenze culturali che consente di proporre un'offerta artistica di grande spessore, in grado di varcare con succeso i confini regionali». Per l'assessore De Fanis, «nonostante il difficile momento economico che si sta affrontando e la cronica carenza di risorse finanziarie, la cultura in Abruzzo è ancora viva. Per sostenerla adeguatamente, però, occorre che scendano in campo tutte insieme e facciano la loro parte realtà istituzionali pubbliche e private come, del resto, è avvenuto in questa occasione con il determinante apporto finanziario di una importante Fondazione bancaria». Alla conferenza stampa di ieri, oltre allo stesso De Fanis, al sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, al senatore Fabrizio Di Stefano, delegato al Teatro Marrucino, al presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, al maestro Fabio D'Orazio, al presidente dell'ISA, Antonio Centi, c'era anche il presidente della Fondazione Carichieti, Mario Di Nisio.

«Non nascondo di essere particolarmente emozionato - ha aggiunto l'assessore De Fanis - per il fatto di trovarmi qui, nel tempio abruzzese della musica e del teatro, vanto di un'intera regione. Esistono già da tempo leggi specifiche che fanno del Marrucino un teatro di prestigio ma la sinergia con un'altra storica istituzione culturale come l'ISA che opera ormai da circa quaranta anni e che ha sede e radici a L'Aquila, significa non solo dare un calcio ai campanilismi che, in passato, hanno, talvolta, prevalso nella nostra regione, ma anche fare in modo che la Cultura con C maiuscola, che per noi rappresenta una maestra di vita ed uno strumento fondamentale di conoscenza dei popoli, possa davvero essere esaltata attraverso un'espressione artistica di altissimo profilo». L'assessore De Fanis, spiegando, infine, la strategia in campo culturale del Governo regionale di puntare sulle eccellenze delle eccellenze, ha ricordato come «appena la scorsa settimana, ci sia stato un altro importante accordo di collaborazione artisitca che ha legato l'Istituzione Sinfonica abruzzese alla consorella marchigiana per dare vita ad una grande struttura Filarmonica dell'Adriatico».

12/03/2011 10.31