Lanciano, Prg in dirittura d’arrivo. Lunedì l’indicazione del candidato sindaco?

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2909

LANCIANO. Adesso non ci sono più ‘scuse’ per il centrodestra e l’annuncio ufficiale del candidato sindaco è davvero questione di giorni.

Bisognerà solo aspettare che Febbo, coordinatore provinciale del Pdl, rientri dall’estero. I vertici del partito, d’altra parte, erano stati in più occasioni estremamente chiari: una volta concluso l’iter di approvazione del Piano regolatore generale ci dedicheremo alle elezioni di primavera. Non soltanto una questione di tempo, chiaramente, ma un’attesa ‘strategica’: il Pdl voleva vedere come si ‘comportava’ la coalizione, specie l’Udc e i simpatizzanti finiani, in Consiglio comunale prima di indicare un nome, condiviso o meno. Adesso, però, i tempi sono decisamente maturi.

Martedì sera, infatti, il Consiglio comunale di Lanciano ha terminato l'esame delle 703 osservazioni al Piano regolatore generale. Ultimata la fase intermedia del Prg, dunque, ora l’assise civica si prepara agli ultimi passi prima dell'approvazione finale, prevista dopo la redazione definitiva del Piano con gli aggiornamenti delle osservazioni accolte, la verifica da parte della Provincia di Chieti e la convocazione della conferenza dei servizi. Il Prg sarà ‘ridisegnato’ dai tecnici sulla base delle osservazioni approvate e poi tornerà in Consiglio per l’ok definitivo.  

L'esame da parte del consiglio comunale delle 703 osservazioni al Prg è durato 8 mesi e ha richiesto 66 sedute di consiglio, per oltre 3.000 pagine di trascrizioni e 300 ore di registrazioni.

La città di Lanciano aspettava il nuovo Prg da moltissimi anni, e nonostante le promesse e le rassicurazioni delle diverse amministrazioni comunali che si sono succedute, l’approvazione è continuata a slittare, facendo schizzare alle stelle i costi di terreni e abitazioni e avvantaggiando le zone limitrofe, tanto che Lanciano ha anche subito un leggero calo della popolazione. Ora si spera in un’inversione di tendenza e che la città, con il nuovo Prg, possa tornare a crescere e svilupparsi.

«E' una giornata storica - ha commentato l'assessore all'Urbanistica Marco Di Domenico - la nave del Prg approda finalmente in porto: Lanciano e i lancianesi aspettano questo strumento dal 1973. Ora tutti sono chiamati alla massima responsabilità nella gestione di questa fase che precede l'approvazione finale, che spero avvenga nel più breve tempo possibile».

 TUTTI CONCENTRATI SULLE ELEZIONI

L’assessore Di Domenico attendeva con particolare trepidazione la conclusione delle osservazioni non soltanto perché materia del suo assessorato (Urbanistica) ma anche perché Di Domenico è uno dei ‘papabili’ aspiranti alla carica di sindaco.

Con lui restano in corsa anche altri due assessori: Manlio D’Ortona ed Ermanno Bozza, che è dato in pole position.

Alla scelta del candidato sta lavorando il gruppo consiliare, perché le indicazioni del partito chiederebbero una scelta ‘dal basso’, appunto dal Consiglio comunale; una volta definito il nome (o il gruppo di nomi) ci vorrà poi l’ok del direttivo, con il parere (vincolante?) del sindaco uscente (che è già al secondo mandato e quindi non può ricandidarsi), quindi l’approvazione definita da parte del coordinamento provinciale e regionale. L’incontro decisivo dovrebbe svolgersi lunedì prossimo quando Mauro Febbo, coordinatore provinciale del Pdl, rienterà dall’estero.

Per il momento, dunque, la palla resta al direttivo locale: «Aspettiamo il rientro di Febbo in Italia – conferma il sindaco Filippo Paolini a PrimaDaNoi.it – e la settimana prossima decideremo, anche perché siamo in dirittura d’arrivo. Credo che sceglieremo il candidato – aggiunge il primo cittadino – all’interno del Comune, perché ci sono tutte le professionalità adatte al ruolo di sindaco». Una scelta non scontata, però, secondo qualcuno che ipotizza un nome ‘esterno’, una sorpresa che potrebbe conquistare, perché no, l’elettorato frentano. Il nome che circola è quello di Silvio Di Lorenzo (Confindustria e Honda).

Bisogna dunque attendere ancora qualche giorno prima dell’ufficializzazione del candidato sindaco del centrodestra a Lanciano: sarà Ermanno Bozza, come sembra siano ormai tutti convinti? O, invece, alla fine la spunterà Di Domenico? E se, invece, la scelta ricadrà su D’Ortona? A meno che il Pdl decida di spiazzare tutti e far uscire dal cilindro un nome a sorpresa. Su cui, eventualmente, dovranno convergere anche Udc, Fli e partiti minori.

Insomma, il tempo stringere ma le decisioni da prendere sono ancora parecchie.

 Daniela Di Cecco  03/03/2011 10.39