Biblioteca De Meis, in settimana il nuovo progetto di restyling

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1507

CHIETI. Torna finalmente a muoversi la macchina dei lavori per la riqualificazione della bibilioteca “De Meis” di Chieti.

Crollata nel 2005 e da allora oggetto di un lunghissimo intervento di restyling, più volte bloccato a causa di problemi tecnici, burocratici o economici.

A darne notizia è l’assessore regionale Mauro Febbo che rimarca il rilancio del progetto dopo cinque anni di immobilismo da parte della precedente giunta provinciale di Chieti.

Da agosto 2010 a oggi, dietro spinta dell’assessore Donatello Di Prinzio, che ha fatto da raccordo tra Provincia, Comune e Regione, è infatti ripartito il tavolo tecnico che nei giorni scorsi è stato convocato per fare il punto della situazione e formalizzare i passaggi per un nuovo Accordo di programma.

L’assessore provinciale Di Prinzio assicura che in settimana in Provincia di Chieti si discuterà l’approvazione del nuovo quadro economico per la ripresa dei lavori e sarà presentato un progetto praticamente uguale a quello precedente, che non creerà problemi per il rilascio della concessione edilizia.

A breve saranno appaltati i lavori sulla parte interna, che non rientravano nel Prusst (programma di riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile del territorio) e che saranno finanziati con il contributo del Ministero delle Finanze, per una cifra totale di 300 mila euro, messo a disposizione dal senatore del Pdl Fabrizio Di Stefano.

I lavori riprenderanno nel momento in cui la Giunta provinciale approverà i nuovi quadri economici e avrà inviato la documentazione alla Regione che a sua volta convocherà il nuovo tavolo tecnico per la sottoscrizione dell’Accordo di programma.

Assolte le formalità burocratiche si potrà parlare di date precise ma l’impegno della Provincia di Chieti è quello di far ripartire i lavori al più presto anche in considerazione della scadenza del Prusst al 31/12/2013.      Proprio la Regione, tramite l’impegno dell’assessore Mauro Febbo presso il Ministero dei Lavori pubblici, ha ricoperto un ruolo determinante per la proroga del Prusst  “La città lineare della costa” che era scaduto nel 2008.

Questo importante passaggio ha permesso anche di recuperare una cifra di circa 500 mila euro.

«Dal crollo della De Meis - ha affermato l’assessore Febbo - in cinque anni erano stati spesi milioni di euro per la messa in sicurezza del cantiere e il trasloco dei libri ma nessuno si era veramente attivato per far ripartire i lavori, determinando così la scadenza del Prusst e della concessione edilizia. Mi sono impegnato in prima persona per la riattivazione del Programma di riqualificazione promosso dal Ministero – aggiunge Febbo - affinché questi lavori riprendano al più presto e si ponga fine allo scempio che da troppo tempo i cittadini di Chieti sono costretti ad ammirare nel centro della città, nonché allo sperpero di denaro pubblico necessario per pagare l’affitto della sede provvisoria della biblioteca relegata in un triste capannone».

 14/02/2011 10.22