Furti nel vastese, arrestati tre giovani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1719

VASTO. Le testimonianze dei cittadini sono state quanto mai utili ai Carabinieri per risolvere positivamente tre episodi di criminalità verificatisi negli ultimi giorni a Vasto.

Ieri sera, infatti, i militari ai comandi del capitano Giuseppe Loschiavo hanno fatto scattare le manette ai polsi di tre giovani autori di differenti ‘colpi’: il tentato furto della Sacra Spina a Vasto, un furto in un bar di Cupello e un furto in appartamento, sempre a Vasto.

In carcere sono finiti il 30enne Yuri Marianacci e il 29enne Alfonso D'Ambrogio, entrambi di Vasto, insieme a Luigi Dell'Arciprete, 34 anni, di Monteodorisio. I tre erano già noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e spaccio di sostanze stupefacenti. Reati a cui ora si aggiungono quelli di tentato furto aggravato e concorso in ricettazione.

I tre, già precedentemente identificati e denunciati, sono stati arrestati a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Vasto, su richiesta della Procura della Repubblica. A seguito delle testimonianze raccolte e delle indagini effettuate dai Carabinieri, infatti, il giudice ha ritenuto giustificata, e anzi necessaria, la misura di custodia in carcere.

Il primo episodio, imputato a Marianacci e Dell’Arciprete, si è verificato una settimana fa quando i due hanno cercato di rubare la Sacra Spina, la preziosa reliquia custodita nella chiesa di Santa Maria Maggiore a Vasto. In quel caso erano stati proprio il parroco, don Andrea Sciascia, insieme a una suora, a mettere in fuga i malviventi ‘beccati’ proprio mentre si avvicinavano alla cappella dove è custodita la preziosa reliquia. Il racconto dei due religiosi era riuscito a far individuare agli inquirenti i responsabili, già noti alle forze dell’ordine.

In modo simile si era concluso il furto messo a segno in un bar di Cupello. In questo caso, però, i malviventi (per questo episodio sono stati denunciati Dell’Arciprete e D’Ambrogio) erano riusciti a portare via il ‘bottino’: due computer e circa 100 euro in contanti. Anche in questo caso, infatti, i carabinieri sono risaliti a loro grazie alle informazioni di alcuni testimoni che, insieme agli indizi rilevati e ad altri riscontri, hanno permesso di individuare i due.

Infine, il furto messo a segno in un appartamento della periferia di Vasto, ai danni di un’anziana a cui sono stati portati via diversi monili in oro. La vittima ha consegnato ai militari un dettagliato elenco dei suoi gioielli spariti - anelli, orecchini, collane e bracciali ereditati da familiari defunti e quindi ancora più importanti dal punto di vista affettivo, per un valore complessivo di 3mila euro - poi recuperati. Del furto è stato ritenuto responsabile Marianacci, denunciato per ricettazione.

Valutati i precedenti specifici degli indagati e gli indizi di responsabilità raccolti nei loro confronti, tenuto conto anche della pericolosità sociale e del rischio di ripetizione dei reati, l'autorità giudiziaria ha disposto l'arresto dei tre.

22/01/2011 11.38