Scontro sull'ultimo bilancio Caldarelli, sindaco: «polemiche strumentali»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3004

SAN GIOVANNI TEATINO. Il 31 dicembre  il consiglio comunale ha approvato l’ultimo bilancio della gestione Caldarelli. Proteste dall'opposizione per alcuni tagli.

«Ridotte all'osso» secondo i consiglieri Sandro Paludi e Alessandro Feragalli del gruppo Consiliare Unione per San Giovanni Teatino le risorse per la cultura, il personale, le politiche sociali ed ambientali.

La causa secondo i due esponenti dell'opposizione sarebbe da attribuire ai debiti contratti per i mutui» le cui rate in pochi anni sono balzate da 1 a 1,7 milioni di euro l’anno, nonostante la rinegoziazione che ha caricato il comune di ulteriori 6 milioni di euro di interessi passivi».

«Mancano risorse per lo sviluppo dell’economia locale», insistono Paludi e Feragalli, «legata soltanto all’apertura di nuovi centri commerciali, per le strutture culturali previste per il 2010 e rinviate di due anni, per la mobilità sostenibile. E le opere pubbliche sono ferme al palo, basti pensare che l’elenco delle opere da realizzare quest’anno è composto per l’ottanta per cento da lavori che si sarebbero dovuti avviare nel 2010». 

L’Unione per San Giovanni Teatino ha tentato di introdurre miglioramenti al bilancio del 2011, ma gli emendamenti per garantire l’acquisto di centraline per il monitoraggio permanente della qualità dell’aria ed il reintegro dei fondi alla cultura ed alle società sportive sono stati tutti bocciati.

Perchè? Anche su questo i due consiglieri si sono fatti un'idea: «la copertura finanziaria proposta avrebbe inciso sui fondi destinati allo staff del sindaco ed agli emolumenti per consiglieri, sindaco ed assessori a cui nessuno vuole rinunciare. Dopo 10 anni di amministrazione, Caldarelli lascerà un Comune sottosopra con uno staff del sindaco che non esisteva ed oggi conta 4 impiegati ed un Comando di Polizia Municipale a cui mancheranno le risorse per garantire la proroga dei contratti scadenti ad agosto per tre agenti precari, tanto che la vigilanza si ridurrà dagli attuali 7 agenti a soli 4 vigili urbani a fronte delle 12 unità previste in pianta organica».

05/01/2011 18.08

IL SINDACO: «POLEMICA STRUMENTALE»

«Il bilancio 2011, contrariamente a quanto asserito da Paludi e Feragalli», replica il sindaco Verino Caldarelli, «si caratterizza per il forte impegno nel sociale e nelle attività culturali: l’anno 2011 vedrà il concreto avvio delle attività del museo di scienze naturali, che qualificherà ancora di più

l’offerta culturale del nostro paese. La cultura dovrà, nel futuro, rappresentare il biglietto da visita delle attività dell’Ente, attraverso il potenziamento delle innumerevoli iniziative ideate e realizzate negli anni e, soprattutto, attraverso la realizzazione di una vera e propria “Città della cultura” che rappresenterà, probabilmente, un unicum per il territorio Abruzzese».

«Quelle poche migliaia di euro» che formalmente appaiono in diminuzione nel settore Cultura ed in aumento fra le spese dello Staff del Sindaco attengono, in realtà, chiarisce il sindaco «al rimedio adottato per dare continuità di lavoro a risorse umane che erano e restano impegnate in detto settore, la Cultura, ritenuto prioritario per questa Amministrazione. In tal senso giova ricordare che in questi dieci anni il sindaco ha goduto di una sola collaborazione nel suo Staff e solo negli ultimi diciotto mesi».

Anche la polemica sulla rinegoziazione dei mutui, secondo il primo cittadino «è falsa e infondata». «Infatti il sacrificio economico che si andrà complessivamente a sostenere serve appunto per trovare oggi spazi di bilancio e non il contrario, come esigenza e soluzione alle attuali restrizioni finanziarie imposte dal Governo. Quindi non causa di tagli ma rimedio per non farne».

Circa l'insoddisfazione dei due consiglieri riguardo alle Opere pubbliche «ho già risposto in Consiglio», dice il sindaco, «dicendo che forse nel paese sono solo loro a pensarla così, considerato che la Comunità è cosciente che quanto loro promesso è stato interamente realizzato e anche

di più. E fra poco ci potrà essere un riscontro a questo considerato che in primavera si vota».

«Il bilancio 2011 si caratterizza, altresì, per il mantenimento ed il potenziamento di tutti gli altri servizi che ormai tradizionalmente caratterizzano l’Amministrazione Comunale di San Giovanni Teatino, in particolare i servizi sociali, prodotti in economia o erogati dalla partecipata Fb Servizi, i servizi in materia tributaria di competenza della Fb Tributi, i servizi culturali della Scuola Civica Musicale. Per tali ultime partecipate gli stanziamenti sul bilancio comunale sono conformi, per quantità ed allocazione, agli strumenti di programmazione delle medesime. La politica fiscale e tariffaria praticata, infine, si caratterizza per l’assoluta invarianza delle relative aliquote e tariffe, fatta eccezione per l’applicazione, alle tariffe dei servizi alla cittadinanza, del solo recupero ISTAT».

10/01/11 18.18