Liceo Masci, in dirittura d'arrivo le certificazioni richieste

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2202

CHIETI. Arriveranno in settimana le certificazioni per il liceo “Masci”: riunione oggi in Provincia con i docenti

Saranno presto disponibili le certificazioni richieste dal liceo scientifico Masci di Chieti, in merito alla salubrità igienica e alla prevenzione degli incendi: è quanto è emerso questa mattina nell'incontro tra il presidente Enrico Di Giuseppantonio, coadiuvato dagli assessori Donatello Di Prinzio (Edilizia Scolastica) e Mauro Petrucci (Istruzione) e dal dirigente del settore 5, Nicola Pasquini, con una delegazione di insegnanti del liceo teatino.

«Abbiamo sollecitato la Asl – ha spiegato il presidente Di Giuseppantonio – per il rilascio della certificazione igienico-sanitaria che dovrebbe giungere in un paio di giorni, visto che non sono stati rilevati problemi di sorta, mentre per il certificato di protezione incendi manca solo la formalità della firma da parte del comandante dei Vigili del Fuoco, che ha personalmente condotto il sopralluogo negli edifici scolastici del liceo, rilevando solo la problematica legata al verso di apertura di 15 porte nella succursale, che sarà risolta nel giro di una settimana».

I problemi che ha manifestato il liceo scientifico sono comuni a molte scuole a causa dell'entrata in vigore delle nuove norme del Decreto Gelmini relativamente al numero minimo di alunni per classe. Per questo il presidente ha scritto già una lettera al presidente dell'Unione delle Province Italiane, del cui ufficio di presidenza è membro, per sollecitare un incontro con il Ministro dell'Istruzione proprio per affrontare questo aspetto della riforma che se da una parte realizza un risparmio per le casse centrali, «dall'altra carica gli enti locali di nuovi costi per l'adeguamento delle aule scolastiche alle nuove norme».

«Noi vogliamo impiegare – ha chiosato l'assessore Di Prinzio – per il liceo Masci tutte le energie e le risorse possibili: la soluzione ottimale rimane quella di trovare i fondi per la costruzione di una nuova sede, per la quale avevamo già individuato alcune aree possibili e immaginato un percorso innovativo come quello del leasing in costruendo, che costituisce una forma di finanziamento privato delle opere pubbliche, già sperimentata in anni recenti da alcune amministrazioni pubbliche. Si tratta di una forma di realizzazione di opere per mezzo della quale un soggetto finanziario anticipa all'appaltatore (impresa costruttrice) i fondi per eseguire l'opera pubblica e, successivamente all'avvenuta esecuzione, viene ristorato dal soggetto appaltante (la pubblica amministrazione) attraverso la corresponsione di canoni periodici».

 

06/09/2010 17.42