Un emendamento salverà la ristrutturazione del tribunale di Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1318

CHIETI. Sarà un emendamento al prossimo decreto «Milleproroghe» lo strumento con il quale il Ministero di Grazia e Giustizia finanzierà la ristrutturazione del tribunale di Chieti.

La struttura è stata dichiarata per metà inagibile dopo il terremoto del 6 aprile 2009. La notizia viene confermata dal presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, che ha ricevuto una missiva dal Capo della Segreteria del Ministro di Grazia e Giustizia Angelino Alfano.

«È stata condivisa - ha scritto nella lettera il dott. Baldassarre Di Giovanni - la necessità di apportare una modifica alla legge 77/2009 che possa consentire l'accesso ai fondi previsti per la ricostruzione, limitatamente alle esigenze del tribunale di Chieti, come chiedeva anche un ordine del giorno accolto dal Governo ed approvato il 19 novembre 2009 alla Camera dei Deputati».

«Questa notizia - ha dichiarato con soddisfazione il presidente Di Giuseppantonio - ci conferma l'iter che avevamo immaginato e concordato con il Ministero, la Regione, il presidente del tribunale di Chieti, il Procuratore della Repubblica e l'ordine forense nei numerosi incontri avuti per risolvere il problema strutturale del Palazzo di Giustizia. La Provincia, proprietaria dell’immobile, sebbene non abbia competenze sull'organizzazione logistica del tribunale, di competenza del Comune, è stata sempre pronta a venire incontro alle esigenze manifestate dal mondo giudiziario e forense, mettendo a disposizione anche l'intero stabile di via Arniense dove sono stati ospitati alcuni uffici giudiziari, sacrificando anche il nostro personale e i nostri servizi che lì erano collocati».

«Siamo soddisfatti del fatto che», ha concluso il presidente, «il lungo, tenace e paziente lavoro di interlocuzione istituzionale, che insieme abbiamo portato avanti sin dal momento del mio insediamento, abbia prodotto i risultati sperati. Il progetto di ristrutturazione del tribunale di piazza San Giustino è già pronto, grazie alla solerzia degli uffici della Provincia ed ora aspettiamo solo l'approvazione del decreto "Milleproroghe" per iniziare i lavori».

 09/12/2010 15.11