Club a luci rosse Vasto, scarcerati i tre indagati. Riesame: «indizi insussistenti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3607

VASTO. Tutti liberi gli indagati dell'inchiesta scattata a inizio agosto su un presunto giro di prostituzione.

La notizia ha creato scalpore nell'estate vastese e adesso però tutto viene rimesso in discussione. Il Tribunale del riesame ha infatti accolto il ricorso degli avvocati Alessandro Orlando e Antonio Ottaviano e quindi Nunzio Bomba, 33 anni, di Castelfrentano (Chieti), Giuseppe Filippetti, 55 anni, di Roma e Giancarlo Piva, 56 anni, di Cisterna di Latina, sono stati rimessi in libertà. In definitiva i giudici hanno ritenuto insussistenti gli indizi di colpevolezza formulati dall'accusa. I tre erano stati arrestati dai carabinieri della compagnia di Vasto nell'ambito dell'inchiesta su un presunto giro di prostituzione all'interno del club prive' "Lulu'" di Vasto, un locale per scambisti in corso Mazzini, gestito proprio da Bomba.

Le accuse mosse dalla procura della repubblica di Vasto erano quelle di concorso in favoreggiamento della prostituzione. Accuse pesanti che gli indagati hanno sempre respinto.

«Bomba e' rimasto 26 giorni in carcere senza aver fatto nulla di illegale», ha denunciato il suo difensore, l'avvocato Orlando. «Bomba, era il gestore di un circolo privato dove i clienti organizzavano serate a tema in un posto raffinato ed esclusivo». Allo stesso tempo era anche un normale impiegato in val di Sangro. Ma di prestazioni a pagamento, con ragazze dell'Est, come dice l'accusa, nemmeno l'ombra, assicura il legale. Filippetti e Piva erano, invece, rispettivamente coordinatore del circolo e presunto procacciatore di clienti. Anche loro hanno sempre respinto tutti gli addebiti. Secondo quanto emerso dalle intercettazioni telefoniche e ambientali partecipavano agli incontri professionisti e imprenditori del Vastese, dell'area Chieti-Pescara, ma anche di fuori regione, politici e intellettuali. Prestazioni sessuali a pagamento, diceva l'accusa. Indizi insussistenti, dice oggi il Riesame.

 

03/09/2010 12.32