Ex Burgo, nuovo incontro tra sindaco e sigle sindacali. Ancora tanta incertezza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1089

CHIETI. Si è tenuto ieri l'incontro per delineare il futuro dei lavoratori ex Burgo. Assente l'azienda.

Alla riunione hanno partecipato il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, le sigle sindacali confederali e la RSU ex Burgo.

L'incontro doveva servire per avviare le procedure al fine di ottenere dalla Regione Abruzzo un prolungamento della Cassa Integrazione in deroga per i 163 lavoratori ex Burgo.

Grande assente Rodolfo Magosso della Burgo Spa che solo ieri pomeriggio alle ore 15.48, con una nota mail pervenuta alla segreteria del primo cittadino, ha comunicato la sua impossibilità a partecipare rimanendo, però, a disposizione per altri eventuali appuntamenti.

«Trovando piena disponibilità nei sindacati presenti», ha commentato Di Primio, «ho espresso la volontà di fissare un altro appuntamento a brevissimo perché è ormai fin troppo evidente che il primo passo debba essere la richiesta di ulteriore Cassa Integrazione prima della scadenza dell’attuale fissata al 31 marzo 2011; richiesta che, ricordo, deve essere avanzata dalla stessa Burgo».

Inoltre, nel corso della riunione, il sindaco ha fatto proprio l’invito pressante di tutte le sigle sindacali di contattare personalmente sia la Ditta Eurospin, che pare essere interessata al Progetto IN.TE., sia gli altri imprenditori, per conoscere le loro reali intenzioni di investimento sull’area ex Burgo.

«Resta inteso che nell’eventualità che il progetto IN.TE. non dovesse decollare», ha chiarito Di Primio, «si dovranno studiare da subito strade alternative ed anche in quel caso il Comune di Chieti farà la sua parte sostenendo per favorire il loro reintegro ad uno sviluppo occupazionale di tutta l’area».

C'è ancora bisogno di tempo per conoscere il futuro dei dipendenti.

03/11/10 9.40