Buoni Vacanza, Del Prete chiede al sindaco uno sportello comunale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

863

VASTO. «L’amministrazione comunale è totalmente assente nei confronti di chi volessero usufruire dei cosiddetti “buoni vacanze”».

 

Si tratta di quelle agevolazioni statali che garantiscono un contributo fino al 45% della somma che si spenderebbe per fare una vacanza in famiglia. La denuncia arriva dal coordinatore provinciale di Alleanza per l’Italia Nicola Del Prete. 

«Ad esempio una famiglia di 4 persone con reddito ISEE inferiore ai 25.000 euro, può richiedere un libretto di buoni (del valore singolo di 20 euro) per un valore totale fino a 1240 euro, pagandoli solo 682,00 (55%)».

Ma come fare per accedere a queste agevolazioni? A questo ci dovrebbero pensare i Comuni perché la procedura di accesso e gestione dei Buoni Vacanze per i cittadini, avviene esclusivamente attraverso il sito internet Buonivacanza.it. «E non tutti lo sanno», contesta Del Prete, «né sanno come fare ed a chi rivolgersi per compilare le eventuali richieste di assegnazione dei buoni». L’utilizzo dei mezzi informatici non sempre risulta di facile accesso, soprattutto  per coloro che non ne hanno praticità e disponibilità. Pertanto al fine di agevolare queste  persone che vorrebbero una forma di assistenza nell’accesso e gestione, i Comuni, sentita l’associazione Buoni Vacanze, dovrebbero istituire servizi e sportelli dedicati, allo scopo di fornire un valido servizio informativo e di assistenza nell’utilizzo del servizio.

«L’assessorato al turismo del Comune di Vasto, di cui è responsabile direttamente il sindaco – sottolinea Del Prete - ignora tutto questo, perché non ha fornito alcuna comunicazione sull’argomento. Alleanza per l’Italia, con questa istanza che è stata fatta propria dai consiglieri comunali Giuseppe Di Paolo, Nicola D’Adamo ed Alessandro La Verghetta, chiede al Comune di Vasto di assumere urgenti iniziative al fine di aiutare i cittadini nella conoscenza dei Buoni Vacanze e nella procedura di richiesta, magari attraverso l’istituzione di uno sportello comunale disponibile gratuitamente (potrebbe essere incaricato un dipendente dell’ufficio turismo) per coloro che non avendo pratica dei mezzi informatici, necessitano di un’assistenza nella compilazione della richiesta dei Buoni. Si tratta di una richiesta minima, perché se avanzassimo anche l’idea e la proposta della concertazione con le strutture ricettive del territorio di una free card per bambini sotto gli 8 anni, cioè la disponibilità per le famiglie di un letto aggiuntivo a costo zero per la loro vacanza vastese, sarebbe chiedere troppo». 26/10/10 11.30