Vasto: «no alla vendita degli appartamenti pubblici del Siv»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1597

Il Comune di Vasto ha deciso di mettere in vendita i tre appartamenti di proprietà comunale ubicati nel Villaggio Siv.

 

Arrivano però le critiche di Filippo Di Nardo, presidente Circolo Villaggio Siv e del vice Maria Marra. Tra le accuse mosse anche quella di mettere all’asta «l’ultimo spazio sociale del territorio e l’unica presenza pubblica in una comunità già colpevolmente abbandonata a se stessa».

«I cittadini del Villaggio Siv e dell’area territoriale circostante non ci stanno a questo grave atto di impoverimento  e di definitivo abbandono della comunità», annunciano Di Nardo e Marra, «e hanno deciso di lottare con tutte le loro forze e energie per bloccare, attraverso una iniziativa civica e civile, la vendita degli  unici spazi pubblici del Villaggio».

Per questo si è deciso di far partire una serie di iniziative di protesta e di mobilitazione, tra cui, una raccolta firme per bloccare la vendita degli appartamenti e la convocazione di un presidio davanti la palazzina pubblica del Villaggio SIV per il giorno sabato 16 ottobre 2010 dalle ore 15.00.

«Invitiamo a partecipare e a confrontarsi con noi il sindaco, tutti i membri della giunta e del consiglio comunale, tutte le forze politiche e sociali, oltre ai tutti cittadini che volessero manifestare la propria solidarietà alla nostra iniziativa», dicono i promotori dell'iniziativa che fanno sapere di riservarsi di valutare anche un’azione legale nei confronti del Comune per presunte irregolarità e vizi di forma del bando.

«Il nostro scopo», chiude Di Nardo, «è il ritiro immediato dal bando di vendita degli appartamenti pubblici e  l’elaborazione di un programma di rilancio e riqualificazione dell’intera area a Sud di Vasto».

Di Nardo, 40 anni, giornalista e autore televisivo è stato eletto nei giorni scorsi a capo del circolo e tra gli obiettivi del nuovo gruppo dirigente vi è la trasformazione dello stesso e il cambiamento della sua ragione sociale in Associazione Vasto Sud con l’intento di rappresentare con la nuova realtà associativa l’intera area territoriale compresa a sud di Vasto, ovvero Tratturo, Colle Pizzuto, Montevecchio, Buonanotte, Villaggio SIV e altre aree più piccole limitrofe e la realizzazione di un ambizioso programma di riqualificazione dell’intero territorio. Al circolo si sono iscritti già circa 100 persone e l’obiettivo è quello di arrivare in breve tempo a 300 iscritti, «in modo da avere una reale rappresentanza delle istanze del territorio».


12/10/2010 13.34