Strada Provinciale 164 chiusa al traffico. Fagnilli: «né avvisi, né cartelli»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1651

CHIETI. I viaggiatori (abruzzesi e non) che percorrono la Sp 164 dovranno mettersi l’anima in pace: la strada è chiusa.

Il tratto Macchia Gravara-Valico della Forchetta che va dal bivio di Gamberale-Pizzoferrato al bivio di Palena-Roccaraso-Rivisondoli-Pescoscostanzo, allacciamento Sulmona-Stazione ferroviaria di Palena dal 24 dicembre fino ad oggi è impraticabile da un certo punto in poi.

A segnalare il disagio è Palmerino Fagnilli consigliere provinciale Idv che lamenta la mancanza «di cartelli, avvisi che in formino i malcapitati viaggiatori dell’interruzione».

«Mucchi di neve? Alberi caduti hanno provocato la chiusura di un tratto?», si chiede Fagnilli, «difficile saperlo». L’unica certezza è che le persone (viaggiatori, i turisti, i pendolari, gli operatori del settore turistico, i viandanti) partite da Sulmona, in direzione Monti Pizzi, o dai centri della Val di Sangro, in direzione Roccaraso, devono fare dietro front.

La chiusura di quel pezzo di strada snodo importante per raggiungere alcune mete turistiche invernali, secondo Fagnilli, «è molto grave». «Da quando quella strada è stata costruita»,dice, «dagli anni trenta, ispirata dal Presidente di Cassazione Ettore Casati villeggiante a Pizzoferrato, fino al Natale 2011 non è stata mai chiusa. Neanche nel 1943, ricordato in quei luoghi della Linea Gustav, come l’anno dei tedeschi, venne chiusa. Anzi, fu tenuta aperta come asse strategico di comunicazione per la stazione ferroviaria di Palena. E poi come asse turistico di motilità nei e dei Monti Pizzi, tesoro della Majella orientale, con il suo parco Nazionale».

Basterebbe poco, una manutenzione annuale, secondo il consigliere Idv, «per evitare spiacevoli disagi».

E’ per questo che Fagnilli si rivolge alla Provincia affinchè proceda alla immediata riapertura della strada in questione ed alla immediata rimozione degli eventuali ostacoli alla circolazione. «E’ doveroso», conclude, «accompagnare la chiusura delle strade, ad un sistema di informazione che eviti danni e disagi agli utenti e agli operatori economici».

03/01/2012 09:16