Ortona, «Tommaso Cieri candidato alle primarie». Ma Fratino vuole Di Martino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3037

ORTONA. Giuseppe Granata (Pdl) sollecita le primarie.

«Non si può essere arbitri e scendere in campo indossando la maglietta del tifoso». Così Giuseppe Granata (PDL) commenta le dichiarazioni rese dal sindaco Nicola Fratino che indica come suo successore, nel segno della continuità, Remo Di Martino.
Nicola Fratino, oltre ad essere il sindaco di Ortona è il coordinatore cittadino del Pdl e per Granata dovrebbe essere “arbitro” di questa partita, ma al contrario «non si mostra garante del rispetto delle regole. In tutti questi anni, Fratino non ha voluto, (sono convinto che sia mancata la volontà perché le capacità gliele ho sempre riconosciute), di scegliere un suo delfino».
«Ora, senza condividere con alcuno e, peraltro, scegliendo la stampa come mezzo per comunicare un suo pensiero, Fratino fa questa dichiarazione ad effetto, una sorta di pietra lanciata nello stagno».
«Davvero birichino», commenta Granata, «il nostro primo cittadino».

E l’esponente del Pdl si congratula, invece, con il vicesindaco, nonché vice coordinatore cittadino del Pdl, Lucio Cieri, «per aver reso noto l’ottimo risultato del tesseramento»: oltre 800 tessere a Ortona «che testimoniano la vitalità del PDL sul territorio. Insieme al presidente del Consiglio, Tommaso Cieri, e ad altri amici che compongono il nostro gruppo siamo stati gli animatori di questa difficile campagna di tesseramento, convinti della sua importanza. Noi ci riconosciamo nel partito e rispettiamo le sue regole. Del resto, lo abbiamo già dimostrato nello scorso mese di agosto, sottoscrivendo un documento politico, peraltro fortemente voluto dal senatore Fabrizio Di Stefano, in cui, oltre ad indicare le priorità programmatiche di fine consiliatura, si sollecitava l’individuazione del candidato sindaco, precisando che, qualora non si fosse addivenuti ad una scelta unitaria, sarebbero state indette le elezioni primarie. Preciso che all’epoca il sottoscritto era già stato estromesso dalla giunta. Nonostante ciò, nel rispetto del partito e condividendo appieno queste regole, ho sottoscritto il documento che, al contrario non è stato firmato da altri che, oggi, si ergono a paladini del Pdl».
Alla luce di tutto ciò, per dare anche un segnale di discontinuità dopo 17 anni di governo locale di centrodestra, Granata avanza la candidatura di Tommaso Cieri a sindaco di Ortona. «Da capogruppo Pdl prima e da presidente del Consiglio Comunale poi», continua Granata, «Tommaso Cieri si è sempre mostrato moderato ed attento alle istanze di tutti i consiglieri, salvaguardando la compattezza del gruppo di maggioranza. Solo l’istituto delle primarie può decidere democraticamente il candidato sindaco di Ortona. Pertanto, chiediamo ai vertici del PDL di indire le primarie al più presto e, subito dopo il congresso provinciale, il congresso cittadino».

29/12/2011 18:47