CALCIO

Serie B. Errori e orrori in difesa. Il Pescara cade a Empoli (3-1)

Coulibaly riapre la partita poi nel momento migliore papera di Fiorillo

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

245

Serie B. Errori e orrori in difesa. Il Pescara cade a Empoli (3-1)


EMPOLI. Un Pescara sottotono tra errori individuali e cali di concentrazione perde 3-1 a Empoli e interrompe la propria striscia positiva di risultati.

Diverse novità tra le fila biancazzurre. Davanti a Fiorillo, Crescenzi e Coda hanno vinto il ballottaggio rispettivamente con Zampano e Bovo per completare il pacchetto arrettrato insieme a Mazzotta e Perrotta. A centrocampo inamovibile Brugman, turno di riposo per Kanoutè e reparto completato da Valzania e Palazzi. In attacco Del Sole, Mancuso e Pettinari preferiti a Benali e Ganz.

Nell'Empoli l'ex della contesa Vivarini presenta un versatile 3-4-1-2 con il peso dell'attacco affidato a Ninkovic, Krunic e Caputo.

L'avvio dei toscani è decisamente migliore, con il Pescara compatto e più attento alla linea difensiva.

Al minuto 2 il primo squillo della gara è dei padroni di casa con Ninkovic, che servito in profondità da un compagno non inquadra lo specchio della porta.

Al 7' ancora Empoli pericoloso. Pallone vagante in area e Krunic chiama Fiorillo al primo intervento della serata.

Al 13' contropiede dei toscani e Caputo da posizione decentrata costringe Fiorillo nuovamente al difficile intervento in 2 tempi.

Al 14' la continua pressione e i pericoli creati dall'Empoli danno i suoi frutti con il punto del vantaggio. Cross col contagiri di Pasqual nel mezzo per la testa di Ninkovic che questa volta fa secco Fiorillo.

La reazione del Pescara si concretizza in un infinito possesso palla senza sbocchi, poi alla mezz'ora l'Empoli per 2 volte sfiora il 2-0 prima con un colpo di testa di Caputo splendidamente respinto da Fiorillo e poi ancora di testa con Luperto che sfiora il palo.

Al 35' uno scellerato intervento in area di Perrotta su Krunic costringe La Penna ad assegnare il calcio di rigore per i padroni di casa. Dal dischetto Caputo non sbaglia: 2-0.


Nella ripresa Zeman inserisce Benali per Del Sole con l'intento di dare maggiore vivacità alla manovra. L'esito però è negativo. Al 3' Veseli si divora il punto del ko. Perrotta perde nuovamente un pallone sanguinoso dal limite, Krunic inventa per Veseli che costringe al miracolo Fiorillo.

Il Pescara ci prova ma il possesso palla è sterile e improduttivo. Neanche il cambio nel finale di Coulibaly per Palazzi cambia il corso della gara.

Al 31' Zajc tutto solo in campo aperto davanti a Fiorillo apre troppo il destro su ennesima topica della retroguardia abruzzese.

Al 33' Benali suona la sveglia impegnando da posizione privilegiata Provedel. Al 35' Mancuso dal limite, respinta non perfetta di Provedel e ribattuta sull'esterno della rete di Benali. È il momento migliore del Pescara, che però al 36' va ad un passo dal 3-0. Krunic tutto solo spara addosso a Fiorillo.

Gol mangiato, gol subito e al 38' i biancazzurri riaprono la partita con Coulibaly, che a porta vuota insacca una respinta non perfetta di Provedel.

Al 41' l'Empoli chiude la gara con Caputo, lestissimo a ribadire in rete una papera clamorosa di Fiorillo su innocua punizione da fuori di Krunic.




EMPOLI-PESCARA 3-1 (primo tempo 2-0)


MARCATORI: 14'pt Ninkovic (E); 36'pt Caputo (E) su calcio di rigore; 38'st Coulibaly (P); 41'st Caputo (E).

EMPOLI (3-4-1-2): Provedel; Veseli (40'st Simic), Romagnoli, Luperto; Untersee, Bennacer, Castagnetti, Pasqual; Ninkovic (22'st Zajc); Krunic, Caputo (43'st Jakupovic). A disposizione: Terracciano, Giacomel, Seck, Piu, Traore, Polvani, Lollo, Zappella, Di Lorenzo. Allenatore: Vivarini.

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Crescenzi, Coda, Perrotta, Mazzotta; Palazzi (28'st Coulibaly), Brugman, Valzania; Del Sole (1'st Benali), Pettinari, Mancuso. A disposizione: Balzano, Bovo, Kanoutè, Ganz, Zampano, Elizalde, Fornasier, Capone, Carraro. Allenatore: Zeman.

ARBITRO: Federico La Penna della sezione di Roma 1 (Intagliata-Lombardi).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 7mila spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti: Castagnetti. Esulsi: nessuno. Recupero: 1'pt; 3'st.


Andrea Sacchini