CALCIO

Under 21. L'Italia soffre ma strappa un prezioso successo di misura ad Andorra

Decisivo nel finale un gol di Cerri. In campo Mandragora

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

48

Under 21. L'Italia soffre ma strappa un prezioso successo di misura ad Andorra




ANDORRA. “Guai a sottovalutare l’Andorra”. Luigi Di Biagio lo aveva detto alla vigilia e, contro la squadra fanalino di coda del Gruppo 2 delle qualificazioni europee, la Nazionale Under 21 torna a casa con uno striminzito quanto prezioso 1-0, a conferma del fatto che le insidie si nascondono spesso dove meno te le aspetti. Per risolvere una partita che si stava mettendo male, il tecnico azzurro decide di puntare nel finale sulla fisicità e sulla voglia di mettersi in mostra di Alberto Cerri, che lo ripaga realizzando il suo primo gol con l’Under 21, una rete che porta gli Azzurrini ad un passo dalla qualificazione all’Europeo in attesa delle ultime due sfide casalinghe di inizio settembre con Serbia e Andorra. Sono quattro adesso i punti di vantaggio sulla Slovenia, sei sui serbi, che dovranno vincere le ultime tre gare per poter scalzare l’Italia dalla testa alla classifica.
Nel piccolo impianto del Principato di Andorra, Di Biagio si affida al collaudato 4-4-2 e conferma per nove undicesimi la formazione che ha battuto nettamente l’Irlanda: uniche novità l’esordio di Mazzitelli, schierato in mezzo al campo al posto di Cataldi, e l’inserimento di Masina come esterno sinistro di difesa. In avanti nuova chance per Monachello e Rosseti, chiamati a far movimento in fase di possesso per favorire il gioco sulle fasce. La difesa di Andorra non è un bunker, come dimostrano i 21 gol subiti in sette gare, ma nei primi 45 minuti l’Italia fatica a trovare le distanze, con qualche errore di troppo in fase di impostazione, complice anche il forte vento e un terreno di gioco in condizioni non ottimali. Un colpo di testa a lato di Mandragora e una conclusione di Rosseti respinta da Silverio sono le uniche occasioni in un primo tempo povero di emozioni, con l’Andorra tutta raccolta nella propria metà campo a difesa dello 0-0.


Ad inizio ripresa Di Biagio si gioca la carta Garritano, che rileva Monachello per formare con Rosseti un tandem offensivo targato Cesena. Al 9’ Rosseti devia di testa sul palo un bel cross dalla destra di Conti, poi Mandragora con una gran conclusione dalla distanza chiama alla respinta Silverio. L’Italia è assoluta padrona del campo e nel giro di due minuti è ancora il portiere di Andorra ad opporsi per due volte a Berardi. Al 27’ Cerri rileva un acciaccato Rosseti, sarà la mossa vincente. E’ proprio lui infatti a sbloccare il risultato dopo appena sette minuti dall’ingresso in campo: l’attaccante del Cagliari sfrutta un’uscita goffa di Silverio e da pochi passi gira di destro in porta realizzando la sua prima rete con l’Under 21. E’ un gol che vale oro e che avvicina sempre più gli Azzurrini ad EURO 2017. Nel finale è ancora Cerri a servire a Garritano il pallone del 2-0, ma Silverio evita il raddoppio.
“Quando si pensa di vincere le partite prima ancora di essere scesi in campo – il commento a caldo di Di Biagio - accade questo e speriamo che in futuro ci serva da lezione. Quando ci siamo resi conto che le cose si stavano complicando abbiamo alzato il ritmo collezionando diverse occasioni, ma siamo stati anche fortunati a trovare il gol. La prestazione è da rivedere, portiamo a casa questi tre punti senza dimenticare che i ragazzi hanno fatto sin qui molto bene, che siamo primi nel girone e che in Irlanda abbiamo giocato una gran partita”. Decisivo l’ingresso in campo di Cerri: “E’ entrato con il piglio giusto, aveva bisogno di questo gol e sono contento per lui”.


ANDORRA-ITALIA 0-1 — (primo tempo 0-0)


MARCATORI — Cerri dal 34’ s.t.

ANDORRA (4-4-1-1) — Silverio; Rubio (dal 44’ s.t. Bové), Viladot, Alavedra, Pomares; Matos, Ferré, Villagrasa, Nazzaro (dal 23’ s.t. Fernandes); Reyes (dal 21’ s.t. Martinez); Aa. Sanchez. (J. Garcia, C. Sanchez, Calviño, Ad. Sanchez). All. Ruiz.

ITALIA (4-4-2) — Donnarumma; Conti, Caldara, Romagnoli, Masina; Berardi (dal 41’ s.t. Grassi), Mazzitelli, Mandragora, Benassi; Monachello (dall’8’ s.t. Garritano), Rosseti (dal 27’ s.t. Cerri). (Cragno, Ferrari, Barreca, Ricci). All. Di Biagio.

ARBITRO — Marshall (Irl. Nord).

NOTE — ammoniti Nazzaro, Reyes, Villagrasa, Alavedra (A), Monachello, Mazzitelli e Cerri (I). Tiri in porta 0-5 (con un palo). Angoli 1-8.