CALCIO

Serie B. Pescara irriconoscibile. Evacuo regala la vendetta a Baroni (1-0)

Il Novara vince 1-0 nel recupero. Prova grigia dei biancazzurri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

150

Serie B. Pescara irriconoscibile. Evacuo regala la vendetta a Baroni (1-0)


NOVARA. Un Pescara irriconoscibile rispetto le ultime brillanti prestazioni cede il passo 1-0 in casa del Novara del grande ex Baroni e si fa sfuggire la grande occasione di scalare la classifica. Decisivo il gol di Evacuo al 12esimo su colossale dormita della retroguardia abruzzese. Poco, pochissimo Pescara con occasioni da gol create vicine allo 0 e un gioco approssimativo paragonabile alla peggiore gestione Baroni dello scorso anno.

Tanto turnover da una parte e dall'altra con Oddo che però non ha rinunciato al 4-3-1-2 che tanto bene ha fatto fin'ora. In difesa riposo per Zampano, con Crescenzi, Zuparic, Fornasier e Fiamozzi davanti la porta di Fiorillo. Centrocampo muscolare con Selasi e Bruno insieme a Memushaj. In avanti Caprari trequartista a supporto di Lapadula e del rientrante Cocco.

Nel Novara mister Baroni conferma le indiscrezioni della vigilia e si affida al 4-2-3-1. Dietro l'unico terminale offensivo Evacuo agiscono Faragò, Signori e Rodriguez.

Primo tempo soporifero con tanti tatticismi in campo e ben poca tecnica in campo. Da notare soltanto un'occasione per parte (e che chance, ndr). Al 27esimo è semplicemente strepitoso Fiorillo nel respingere un colpo di testa da 2 passi di Faragò, che sul proseguo dell'azione su nuovo cross nel mezzo non riesce ad impattare la sfera. Sei minuti dopo è il turno del Pescara che al termine di una buona azione porta alla conclusione da fuori di Memushaj che esalta i riflessi questa volta di Da Costa.

Nessun cambio al rientro dagli spogliatoi, con la gara che ha continuato a vivacchiare sui binari della noia e della prevedibilità fino al minuto 6, quando Viola da distanza siderale direttamente su calcio di punizione spara sul fondo.

Al decimo ancora Novara vicinissimo al vantaggio. Cross teso di Faraoni nel mezzo e sia Faragò sia Evacuo arrivano con un attimo di ritardo all'impatto con la sfera a colpo sicuro.

In avanti il Pescara è poca cosa e Oddo sceglie di giocarsi la carta Forte al posto di un incontrista (Bruno). Neanche il tempo di riorganizzarsi per il passaggio alle 4 punte e subito il Novara realizza l'uno a zero al minuto 12. Cross preciso di Faraoni, buco di Crescenzi e Zuparic e per Evacuo di testa tutto solo è un gioco da ragazzi insaccare alle spalle di Fiorillo.

La reazione del Pescara è priva di mordente e Oddo getta nella mischia anche Sansovini in luogo di un nullo Cocco. Chiaro l'intento del mister biancazzurro di dare maggiore imprevedibilità e profondità alla manovra.

È però in Novara a sfiorare il raddoppio al 32esimo con un sinistro di Viola dal limite che costringe Fiorillo alla difficile respinta in corner.

Poche tracce ma importanti nel Pescara nel finale. Al 43esimo un tiro a giro da fuori di Crescenzi termina di un nulla sul fondo: decisiva la deviazione finale di Da Costa.

In pieno recupero vicino al 2-0 i piemontesi con Viola: ancora decisivo Fiorillo. Poi Zuparic all'ultimo secondo di testa sfiora il bersaglio grosso.


I biancazzurri torneranno in campo sabato alle ore 15,00 allo stadio Adriatico contro la Ternana.

NOVARA-PESCARA 1-0 (primo tempo 0-0)


MARCATORE: 12'st Evacuo (No).

NOVARA (4-2-3-1): Da Costa; Dickmann, Troest, Poli, Faraoni; Casarini, Viola; Faragò, Signori (39'st Corazza), Rodriguez (22'st Gonzalez); Evacuo (45'st Dell'Orco). A disposizione: Tozzo, Vicari, Buzzegoli, Galabinov, Gonzalez, Schiavi, Manconi. Allenatore: Baroni.

PESCARA (4-3-1-2): Fiorillo; Fiamozzi, Fornasier, Zuparic, Crescenzi; Memushaj, Bruno (12'st Forte), Selasi; Caprari (34'st Mitrita); Lapadula, Cocco (23'st Sansovini). A disposizione: Aresti, Zampano, Mignanelli, Valoti, Torreira, Verre. Allenatore: Oddo.

ARBITRO: Eugenio Abbattista della sezione di Molfetta (Di Francesco-Oliveri).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 4mila spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti: Bruno, Forte. Espulsi: 50'st Memushaj (Pe).


Andrea Sacchini