SERIE B

A Carpi vince la voglia di non farsi male. La Virtus Lanciano strappa lo 0-0

Terza salvezza consecutiva in Serie B per i frentani

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

803

A Carpi vince la voglia di non farsi male. La Virtus Lanciano strappa lo 0-0




CARPI. In una gara senza spunti la Virtus Lanciano strappa lo 0-0 dal Cabassi di Carpi e festeggia anzitempo la terza salvezza consecutiva in Serie B.
Nel primo tempo tattica estremamente attendista dei rossoneri, favoriti da un Carpi privo di grandi motivazioni dopo la conquista della Serie A matematica e il successo nel derby della settimana scorsa.
In avvio al quarto minuto ci prova Porcari con pallone impreciso. Poi tanto possesso palla senza però occasioni da gol nitide da una parte e dell'altra. Al 35esimo Mammarella prova a sorprendere Gabriel ma il pallone termina sull'esterno della rete. Tre minuti dopo tentativo piuttosto velleitario di Piccolo che non sorprende l'estremo difensore brasiliano di proprietà del Milan.
Prima del riposo ci prova Bianco direttamente su calcio di punizione con sfera abbondantemente sul fondo.
Nella ripresa si fatica a trovare un'occasione degna di nota, con le 2 squadre contente del punto.
Sabato prossimo al Biondi arriva lo Spezia, assetato di punti per raggiungere il miglior piazzamento possibile ai play-off.

CARPI-VIRTUS LANCIANO 0-0 (primo tempo 0-0)
MARCATORI: nessuno.
CARPI (4-3-3): Gabriel; Modolo (22'pt Pasini), Letizia, Romagnoli, Sabbione; Struna, Porcari, Bianco; Pasciuti, Lasagna, Di Gaudio (20'st Gatto M.). A disposizione: Maurantonio, Brunelli, Inglese, Pugliese, Mbaye, Loi, Torelli. Allenatore: Castori.
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Nicolas; Conti, Troest, Aquilanti, Mammarella; Paghera, Bacinovic, Di Cecco; Piccolo, Thiam (37'st Cerri), Grossi (24'st Gatto). A disposizione: Aridità, Ferrario, Nunzella, Vastola, Agazzi, De Silvestro. Allenatore: D'Aversa.
ARBITRO: Daniele Chiffi della sezione di Padova (Soricaro-Oliveri).
NOTE: Presenti sugli spalti circa 6mila spettatori. Ammoniti: Aquilanti, Pasciuti. Espulsi: nessuno.

Andrea Sacchini