SERIE A

Delfino Pescara. Kroldrup non si sbottona sul futuro: «rimanere anche in B? Vedremo...»

Il difensore biancazzurro è in scadenza di contratto

Andrea Sacchini

Reporter:

Andrea Sacchini

Letture:

1097

Delfino Pescara. Kroldrup non si sbottona sul futuro: «rimanere anche in B? Vedremo...»

Delfino Pescara. Kroldrup non si sbottona sul futuro: «rimanere anche in B? Vedremo...»
Il difensore biancazzurro è in scadenza di contratto
calcio, pescara, kroldrup, siena, delfino, serie a, serie b
PESCARA. La prova d'orgoglio più che di sostanza di sabato nella tana della Juventus, il Pescara prosegue gli allenamenti in vista del match a questo punto decisivo di sabato alle 18,00 allo stadio Adriatico. Qualcosa di buono si è visto soprattutto in difesa, con la squadra capace di difendersi con ordine fino al rigore determinante causato da Rizzo su Vidal a pochi minuti dalla fine. La squadra, che non aveva affatto demeritato dalla metà campo in giù, ha pagato a caro prezzo l'uscita dal campo di Kroldrup, sfinito e sostituito da un Bianchi Arce spaesato e responsabile in occasione del raddoppio dei bianconeri: c'è stato un atteggiamento ed uno spirito diverso. Tutti noi abbiamo lavorato per lo stesso obbiettivo. Peccato per il risultato ma resta la bella prestazione da squadra. La gara con la Juventus deve essere il nostro punto di partenza.
«Anche a Bergamo abbiamo fatto una buona gara» – va avanti il centrale di difesa biancazzurro – «poi la partita di Parma è stata la peggiore di tutte. Non so dare una spiegazione perché siamo così altalenanti. Ora pensiamo a sabato. Dobbiamo tornare a fare punti e non voglio parlare di possibilità di salvezza. Dobbiamo sempre crederci fino alla fine anche perché i punti da recuperare sono solo 6».
Su Christian Bucchi: «mi ha meravigliato in positivo, sta facendo un buon lavoro. Ha grande voglia ed entusiasmo ed ha portato aria positiva all'interno dello spogliatoio».
«la condizione sta migliorando» – prosegue Kroldrup – «anche se non sono ancora al top della condizione fisica».
IL FUTURO ANCHE IN SERIE B
Kroldrup è legato al Pescara fino a giugno 2013: «non so nulla del mio futuro. Dopo un infortunio grave non ha senso pensare a lunghi termini. Devo allenarmi e ritrovare la condizione migliore, poi a fine campionato vedremo il mio contratto. Non ho mai giocato in Serie B ma ora è presto per parlare di questo».
«Non sarebbe per me il massimo» – chiude Kroldrup – «ma vedremo a fine stagione, il Pescara ha un'opzione sul mio contratto però adesso non è il caso di sbilanciarmi...».
Ieri alla ripresa degli allenamenti solo lavoro di scarico per chi ha giocato sabato con la Juventus. Sempre lunga la lista degli indisponibili. Fuori Cosic per almeno una settimana per sindrome retto-addominale, Bocchetti che oggi farà risonanza, Weiss ai box per continuare le terapie, lavoro differenziato per Balzano e Zauri e Cascione, fermatosi anzitempo per un risentimento muscolare al retto femorale destro. Fermo anche Capuano che domani dovrebbe riaggregarsi al gruppo. Per sabato fuori per squalifica anche Rizzo e Bjarnason.

PESCARA. La prova d'orgoglio più che di sostanza di sabato nella tana della Juventus, il Pescara prosegue gli allenamenti in vista del match a questo punto decisivo di sabato alle 18,00 allo stadio Adriatico. Qualcosa di buono si è visto soprattutto in difesa, con la squadra capace di difendersi con ordine fino al rigore determinante causato da Rizzo su Vidal a pochi minuti dalla fine. La squadra, che non aveva affatto demeritato dalla metà campo in giù, ha pagato a caro prezzo l'uscita dal campo di Kroldrup, sfinito e sostituito da un Bianchi Arce spaesato e responsabile in occasione del raddoppio dei bianconeri: c'è stato un atteggiamento ed uno spirito diverso. Tutti noi abbiamo lavorato per lo stesso obbiettivo. Peccato per il risultato ma resta la bella prestazione da squadra. La gara con la Juventus deve essere il nostro punto di partenza.«Anche a Bergamo abbiamo fatto una buona gara» – va avanti il centrale di difesa biancazzurro – «poi la partita di Parma è stata la peggiore di tutte. Non so dare una spiegazione perché siamo così altalenanti. Ora pensiamo a sabato. Dobbiamo tornare a fare punti e non voglio parlare di possibilità di salvezza. Dobbiamo sempre crederci fino alla fine anche perché i punti da recuperare sono solo 6».Su Christian Bucchi: «mi ha meravigliato in positivo, sta facendo un buon lavoro. Ha grande voglia ed entusiasmo ed ha portato aria positiva all'interno dello spogliatoio».«la condizione sta migliorando» – prosegue Kroldrup – «anche se non sono ancora al top della condizione fisica».

IL FUTURO ANCHE IN SERIE B
Kroldrup è legato al Pescara fino a giugno 2013: «non so nulla del mio futuro. Dopo un infortunio grave non ha senso pensare a lunghi termini. Devo allenarmi e ritrovare la condizione migliore, poi a fine campionato vedremo il mio contratto. Non ho mai giocato in Serie B ma ora è presto per parlare di questo».«Non sarebbe per me il massimo» – chiude Kroldrup – «ma vedremo a fine stagione, il Pescara ha un'opzione sul mio contratto però adesso non è il caso di sbilanciarmi...».Ieri alla ripresa degli allenamenti solo lavoro di scarico per chi ha giocato sabato con la Juventus. Sempre lunga la lista degli indisponibili. Fuori Cosic per almeno una settimana per sindrome retto-addominale, Bocchetti che oggi farà risonanza, Weiss ai box per continuare le terapie, lavoro differenziato per Balzano e Zauri e Cascione, fermatosi anzitempo per un risentimento muscolare al retto femorale destro. Fermo anche Capuano che domani dovrebbe riaggregarsi al gruppo. Per sabato fuori per squalifica anche Rizzo e Bjarnason.